Nasce “It”, il nuovo marchio per l’Italia con la cacca di piccione

febbraio 21, 2007

Un nuovo logo per l’Italia. E’ stato presentato questa mattina a Palazzo Chigi un marchio di promozione coordinata del turismo del Sistema Italia. “Nel mondo di oggi l’immagine di un paese si gioca anche sulla riconoscibilità di un simbolo e sulla sua identità” ha commentato il presidente del Consiglio Romano Prodi era ora che l’Italia avesse un marchio del turismo“.

Una visualizzazione grafica del belpaese che il premier non ha esitato a giudicare “estrememamente bella”. Un marchio, spiega ancora Prodi parlando del logo, “non basta certo, ma è una splendida opportunità“. Questa iniziativa “è parte integrante della nostra strategia, una strategia “per fare sistema“.

De gustibus non est disputandum, dicevano gli antichi, i gusti non si discutono. Tuttavia a me il logo non piace: mi sembra davvero brutto, e poi la macchia bianca che dovrebbe essere la “t” sembra una cacca di piccione. Molto “simbolica” peraltro.

E resta comunque la ferale domanda: quant’è costato il logo? Per il mega-portale si parlava di una cifra monstre di 45 mlioni di euro, se tanto mi da’ tanto…

Qualcosa mi dice che forse è meglio non saperlo :)

32 Responses to “Nasce “It”, il nuovo marchio per l’Italia con la cacca di piccione”

  1. Dario Says:

    Altra interpretazione meno “guanica”: sembra un fantasma. Come il mega-portale…

  2. aghost Says:

    si bella anche questa interpretazione :)

  3. hronir Says:

    Francamente non mi era venuta in mente la cacca di piccione (forse perche’ non avevo visto il video, ma solo l’immagine statica, in cui e’ verde…).
    In ogni caso non capisco perche’ Repubblica.it parli del”la ‘t’ a forma di penisola”…!

  4. aghost Says:

    andiamo bene! hanno già cominciato a far casino, stamattina l’immagine della “t” era bianca, ora è diventata verde!

  5. Sergio Says:

    Il logo è leggermente diverso: la i è nera con il puntino rosso e lo sgorbio è verde il tutto in campo bianco.

    L’immagine pubblicata è un fotogramma dell’animazione di presentazione.

    Comunque anche a me questo logo non piace

  6. aghost Says:

    quindi nell’animazione la cacca di piccione è bianca? :)
    E se è cosi, perché poi nei loghi stampati diventa verde? Forse perché è andata male.. :) boh

  7. Stella Says:

    Madonna Santa, ma quanto siete polemici…C’è qualcosa che vi stà bene? Possibile che in Italia non ci sia proprio nulla che funzioni?

  8. aghost Says:

    polemici noi? Ma ti pare… :)

  9. Cristian Says:

    Che il logo sia bello o brutto poco importa, a me girano le balle l’aver speso 45 milioni di euro per un portale…
    Il portale è appena stato presentato dal vicepremier Rutelli, che ho il sospetto domani non se ne ricorderà più. Sono sopraggiunti altri problemi nel mentre…

  10. Stella Says:

    Beh, aspettiamo un po’, vediamolo ‘sto mega-portale, magari ne val la pena, chissà, cerchiamo di non partire prevenuti. Un po’ di fiducia, no?

  11. aghost Says:

    no dico, 45 milioni di euro!!! :(

  12. hronir Says:

    La questione dei colori: e’ che nell’animazione la “cacca di piccione” continua a sfumare in colori diversi (come tutto, del resto, anche lo sfondo…).

  13. Michele Favara Pedarsi Says:

    Stella, il problema è che quel portale sono anni che succhia soldi e ancora c’è solo una pagina con scritto: “Il portale italiano del turismo è in fase di realizzazione”. Uno è fiducioso, 1 anno, 2 anni… poi è normale che si mette a discutere dei colori del logo… non c’è altro da vedere :)

  14. db Says:

    Definitivamente: il logo è formato da una I nera, col puntino rosso, e una curvilinea T color verde caccola.

    Ma leggi un po’ la descrizione (via Quotidiano Nazionale: http://qn.quotidiano.net/art/2007/02/21/5463622)

    “La ‘i’, di colore nero, nel carattere richiama il mondo classico e la tradizione italiana”

    Io l’avevo capito subito, lì c’è Virgilio, Dante, Petrarca. C’è l’Agorà, l’Impero Romano, il calcestruzzo… Ma scusate, voi non li vedete?

    “La ‘t’ è verde, per rafforzare l’immagine di un Paese ricco dal punto di vista naturalistico e, al tempo stesso, completare il tricolore, rendendo inequivocabile il riferimento all’Italia”

    Tricolore che è evidentissimo, e su questo non ci piove. Ma il verde è anche il colore della bile che sta evadendo dalle viscere degli italiani, che ancora non sanno quanto costa questo logo, realizzato oltretutto da un’agenzia americana… come si chiama? Linidor? Ah no, Landor.

    “Il carattere usato per le altre lettere della parola ‘Italia’ esprime modernità. Il fondo del logo è completamente bianco”.

    Modernamente, combina maiuscole con minuscole. In una nota di Palazzo Chigi si legge che è un “simbolo duplice dove convivono maschile e femminile, passato e futuro, serietà e ironia, stabilità e movimento, razionalità e fantasia, dovere e piacere”.

    Ma ahche genio e sregolatezza, vero e falso, utile e dilettevole, botte piena e moglie ubriaca, uovo oggi e gallina domani, fischi e fiaschi, Eros e Thanatos, Castellano e Pipolo, Sandra e Raimondo…

  15. Stella Says:

    Io non vi capisco, è solo un logo, ad alcuni piace, ad altri meno. Come tutte le cose, è praticamente impossibile accontentare tutti. Non vi pare che in Italia vi siano problemi molto, ma molto, più gravi che si dovrebbero risolvere? E che meriterebbero attenzione, tempo, energie, sondaggi, pareri? (Vedi mafia, ad esempio..) Ditemi voi, è proprio impossibile fare qualcosa in questa direzione?

  16. aghost Says:

    grande bonacina :)))

  17. aghost Says:

    stella hai senz’altro ragione. Io non so quant’è costato il logo e ho paura di saperlo. Che ci si stia a baloccare con mega siti da 45 milioni di euro e nuovi loghi di facciata mi pare francamente intollerabile.

    Che posso dirti, siamo troppo critici? Può darsi. Saremo impazziti tutti, come diceva Prodi qualche tempo fa degli italiani che mugugnavano sulle sue riforme.

  18. Ferd Says:

    Stella
    se non possiamo parlare del logo di italia.it sul blog di aghost, che è persona esperta di immagine, grafica (e quant’altro), allora è meglio che cada il governo.
    :D

  19. aghost Says:

    Pare che il logo in questione sia costato circa 100.000 euro. E’ stato realizzato da un’agenzia americana, la Landor di S. Francisco.

    Sul costo preferisco non commentare però dico: ma possibile che nel paese patria di Leonardo, del genio italico, della moda, del design, ci dobbiamo far fare il logo dagli americani? Brutto e pagarlo pure? Ma che senso ha? Questo è puro autolesionismo.

    Era così difficile fare una gara aperta agli italiani, con le legioni di designers, di architetti e grafici che abbiamo, studenti inclusi e, perché no, anche ai semplici cittadini?

    E al vincitore non sarebbe bastata la soddisfazione di aver ideato, gratis, il logo per l’Italia?

    Io proprio non capisco… :(

  20. Michele Favara Pedarsi Says:

    Non ci posso credere… il portale ha aperto i battenti… ALLELUJA, ALLELUJA… Dio è risorto!

  21. aghost Says:

    e dov’e’???

  22. aghost Says:

    http://www.italia.it.. ma è lentissimo… poi ci sono ampie zone grigie di roba che non si carica… vuoi vedere che è icompatibile firefox? :)

  23. aghost Says:

    è UNA VERGOGNA!!!!
    Neppure in Opera va… solo in IE
    Ma questo è il meno: secondo il portale, “montagne” in trentino non ce ne sono! Inoltre se voglio info sulle regioni compare un elenchio striminzito con le apt!!!
    e l’apt del trentino è scritta pure sbagliata “tentino” senza la “r”!

    Tenetemi!

  24. aghost Says:

    e pure l’intervista a rutelli in home!!!!
    Datemi un martelloooooo

  25. aghost Says:

    è una vergogna totale! Un’indecenza! E’ zeppo di errori! Ho guardato rapidamente i testi riguardanti il “Tentino” (senza la “r”!)

    Il famosissimo Bondone diventa “Boldone” e l’altra celebre montagna vicino a Trento, la Paganella, diventa il Monte “Raganella”!!!!

  26. aghost Says:

    colgo ancora fior da fiore, riguardo la cucina tipica trentina: “Tra i piatti tipici l’anguilla alla trentina, la pasta e fagioli, il pasticcio di maccheroni, la salsiccia cotta al forno e la frittata con farina e latte”

    Ma sono impazziti? l’Anguilla, la pasta e fagioli, il pasticcio di maccheroni??? Qui è roba da denuncia!

    Controllate le vostre regioni e segnalate le immani castronerie! :)

  27. Michele Favara Pedarsi Says:

    Aghost, sei ancora li’ o hai davvero sfogato la frustrazione sul tuo povero computer innocente? :P


  28. IT. Italia .
    L’Italia lascia il segno.
    Magari lo lasciasse.
    Sarei felice che l’Italia avesse un Marchio degno di essere chiamato tale.
    Purtroppo il Marchio IT Italia è vergognosamente debole
    e quando il segno è debole è meglio lasciarlo.
    Ecco i motivi.

    1
    “Lasciare” è un termine negativo che esprime distacco e abbandono.
    Lasciare il segno significa anche sporcare.
    In pubblicità l’uso dei doppi sensi non può essere ignorato
    e bisogna fare attenzione all’uso delle parole.

    2
    Il marchio riporta i colori degli Emirati Arabi e non quelli dell’Italia.

    3
    La figura che rappresenta la lettera T non ricorda affatto la penisola italiana
    e non evoca nulla di positivo perchè è una forma senza significato e senza senso.
    E poi, se per ipotesi evocasse la penisola italiana,
    allora la i sarebbe la Sardegna e il puntino della i rappresenterebbe la Corsica.
    E cosa centra la Corsica con l’Italia?

    4
    Il carattere utilizzato per la i è un carattere classico detto bodoni.
    La lettera t risulta essere una t incappucciata,
    come se qualcuno avesse voluto metterla in un sacco verde.
    Il simbolo evoca quindi l’idea di coprire, soffocare, nascondere.

    5
    Nel 1976 Milton Glaser ha inventato il simbolo I (cuore) NY
    per la città di New York, tale idea è stata ripresa e copiata
    centinania di volte nei modi più svariati.
    Oggi, nel 2007, il Marchio IT Italia sfrutta ancora un’ennesima
    variazione dell’idea originale.

    6
    Dal punto di vista estetico l’impatto visivo ed emozionale è debole.
    Mentre scrivo questa lettera dal sondaggio di Repubblica
    risulta che al 68% delle persone questo marchio non piace.

    Da oltre 20 anni mi occupo di creazione del marchio
    e ricerca della motivazione simbologica.
    E’ preoccupante che la realizzazione e soprattutto l’approvazione
    di un Marchio così importante sia affidata a persone incompetenti in materia.

    Un cordiale saluto

    Sergio Bianco

  29. Stella Says:

    Questa mattina Vittorio Zucconi, direttore di radio Capital, ad un ascoltatore che gli chiedeva un commento riguardo al nuovo logo dell’Italia, ha dato una risposta che mi ha veramente deluso. Ha affermato che un logo non fa l’Italia e che se è stato pagato molti soldi, beh, beato chi se li è presi….Un po’ misera come risposta, non vi pare?

  30. elisabetta Says:

    e clicca la provincia di ferrara, non ha nemmeno un ufficio turistico! prova a contattare il numero indicato, inattivo da parecchi anni. e i servizi turistici sono solo le vasche biologiche per i camperisti.

  31. aghost Says:

    bella segnalazione elisabetta :)

  32. Nio975 Says:

    il logo (spero con tutto il cuore che non venga mai utilizzato) è semplicemente osceno….
    dovreste leggere le motivazioni e gli studi che hanno portato alla realizzazione … una serie di cazzate di proporzioni bibliche… tra le altre cose il made in italy è diventato made in usa.. siamo talmenti furbi che il logo lo abbiamo fatto fare da una società americana a testimonianza che la creatività italiana è invidiata e copiata in tutto il mondo….

    (siamo troppo creativi ^..^)

    costo totale del logo 75.000,00 €
    (comunque hanno realizzato dei focus group a milano e roma per far valutare il logo – ci saranno stati solo loro parenti??, secondo loro un evento eccezionale,…. focus group si realizzano praticamente sempre per ogni sorta di progetto grafico di un qualche rilievo)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: