La prima volta di Ritalia.it su Second Life, esperienza fantozziana

marzo 31, 2007

Ero curioso di poter vedere qualcosa del barcamp di Ritalia.it: non potendo recarmi a Milano ho cercato quindi di capire se c’erano risorse audio o video. Sul blog però nessuno inizialmente sapeva nulla, Davide “Folletto” Casali aveva orecchiato che si sarebbe fatto qualcosa su Second Life.

Cerco su Google e trovo l’indirizzo: l’evento viene trasmesso sull’Isola di Vulcano.
Entro e vedo un palazzone simil-auditorium. Mi catapulto dentro e ci sono 4-5 persone spaesate che vagolano sul palco. Sulle gradinate non c’è nessuno. Sono tutti sconsolati perché mi dicono che ci sono problemi tecnici e sul grande schermo non arriva una mazza.

Mi guardo un po’ intorno: il palazzone è esteticamente gradevole ma penso che i pompieri avrebbero parecchio da obiettare sulla mancanza di uscite di sicurezza, sulle porte di accesso principali addossate ai lati del palco e quindi poco funzionali. La cosa più singolare è un grossolano errore di progettazione: le file di sedie non sono di fronte al palco ma decentrate sui lati, poiché il centro del salone è occupato da un inutile scalone. Per fortuna che il palazzone è solo virtuale, sennò sai che torcicolli :)

Dopo un po’ qualcuno avverte che c’è l’audio. Lo schermo però continua a rimanere nero. L’audio è in realtà un vocìo concitato in sottofondo, come quando qualcuno lascia inavvertitamente aperto il microfono: si sente gente che sta smadonnando coi DNS. Parlano di server intasati e altri problemi, si sente un fitto conciliabiolo e un picchiettare frenetico sulle tastiere.

Poi si sente arrivare uno sull’incazzoso che fa “chi è il responsabile qui? Ti sta cercando X ed è arrabbiatissimo perché nessuno l’ha avvisato, ce l’ho qui al telefono te lo passo…” Poi arriva una tizia, dice che c’è da pagare 50 euro. Avvisiamo sul blog di stare attenti che si sente tutto! Alcuni minuti dopo qualcuno deve averli avvertiti perché l’audio viene brutalmente interrotto.

Tra i pochi presenti serpeggia il malumore, ci sono anche due giornalisti: Pasquale di denaro.it e Donpiano di Sprea italia. Pasquale è, mi pare giustamente, contrariato e dice: “Non si fa così, non si può annunciare l’evento in pompa magna e poi non funziona nulla. Si lavora tanto per costruire qualcosa e poi si butta via tutto così. Mi rifiuto di pensare che non abbiano provato il sistema nei giorni precedenti e solo stamattina siano saltati fuori gli intoppi tecnici”.

L’audio va e viene, del video manco a parlarne. Speriamo non ci sia un infiltrato dell’IBM, sennò sai le risate: questi qui, potrebbe pensare, vogliono rifare il portale nazionale e non sono capaci di fare uno streaming audio. Qualcuno scatta delle fotografie ricordo: ci mettiamo mestamente in posa, nella sala desolatamente vuota.

Quando lo sconforto è ormai totale, tra un cazzeggio e l’altro e con la gente che sta per andarsene, arriva David Oberdan, o meglio il suo avataro: dice che ci sono problemi tecnici e non funziona nulla quindi, nello spirito del barcamp, ci arrangiassimo tra di noi e cercassimo di essere “propositivi”.

Maddeché? Ci sentiamo francamente presi in giro: ma come? E’ dalle 9 di mattina che stiamo qui ad aspettare come degli scemi, ad origliare il chiacchiericcio inconcludente dei tecnici. Chiediamo spiegazioni.

Le giustificazioni di Oberdan ci lasciano francamente esterrefatti, suonando pressapoco così: massì, in fondo il barcamp su Second Life era una mossa pubblicitaria(!) quindi non ci abbiamo badato piu di tanto. Seguono commenti delusi, alcuni si sentono usati come cavie: Oberdan cerca volonterosamente di metterci una pezza, promettendo che cercherà di fare qualcosa nel pomeriggio. A questo punto si va a mangiare, stavolta in “real life” per fortuna :)

Nel primo pomeriggio si ritorna alla spicciolata, torna anche Oberdan che smanetta sulla rete, fa esperimenti, elegantemente sordo alle nostre punzecchiature e agli sfottò. Io strimmo un po’ di musica giusto per tirar su l’ambiente decisamente sullo svaccato.

Finalmente arriva la voce di Oberdan, per il video sarà per un’altra volta: tra dieci minuti si inizia, dice.

Verso le 15 comincia la conferenza in un’atmosfera surreale: le poche persone sparse sulle gradinate deserte ascoltano la voce professionale di Oberdan che dice anche cose interessanti sulla rete e sul turismo. Fa un certo effetto ascoltare i compunti ragionamenti del relatore mentre un avatar, dopo pochi minuti, dorme già dalla grossa sulle gradinate, col capo reclinato in avanti. Poi c’è gente che “svolazza” per la sala mentre alcuni si “ejettano” violentemente dal sedile volando fuori dall’auditorium (che è senza soffitto: e se dovesse piovere?)

Nelle prime file, due curiosi e inquietanti personaggi sembrano ascoltare con attenzione: uno ha una specie di costume da mazinga mentre l’altro, o l’altra non si capisce bene, ascolta la conferenza con in testa uno scafandro da palombaro e un pesce che gira intorno alla testa.

Alle 15.30 devo andarmene. Quando tolgo le tende mi pare che il tutto abbia preso una piega meno assurda e vagamente inquietante, con Oberdan che dice cose interessanti allo sparuto pubblico immobile in sala. Chissà se quei quattro gatti ascoltano, dormono o pensano ai fatti loro.

Conclusione: come prima esperienza in SL mi è sembrata a dir poco disastrosa e anche organizzata in modo approssimativo :). Tuttavia bisogna dire dire che chi fa sbaglia, e chi non fa non sbaglia mai: va quindi comunque apprezzato lo sforzo organizzativo, che non dev’essere stato per niente facile.

Tuttosommato, per noi utenti in SL, completamente ignari dei casini tremendi che ci devono esser stati in Bicocca, è stato anche divertente. Darei quindi un giudizio tuttosommato positivo di questo primo esperimento, se non altro per la buona volontà: alla prossima occasione le cose andranno sicuramente meglio. Almeno si spera :)

Qui il log della chat in Second Life dalle 9.00 circa fino alle 12.30

Advertisements

19 Responses to “La prima volta di Ritalia.it su Second Life, esperienza fantozziana”

  1. Larry Says:

    Beh, almeno la conferenza alla fine c’è stata… :) Io non ero a conoscenza dell’incontro, altrimenti l’avrei provato SL.

    Comunque sia, interessante testimonianza!


  2. Non puoi nemmeno immaginare le difficoltà. Per questo il mio invito a criticare i contenuti che da adesso in poi verranno presentati, tutto il resto è folklore. Riteniamo che il progetto sia importante è abbiamo bisogno della collaborazione di tutti.

  3. ritalia Says:

    Grazie della descrizione, penso abbastanza accurata. Fantozzi sicuramente è un idolo, quindi apprezzo il paragone.

    :)

    David ‘Oberdan’ Orban

  4. markingegno Says:

    C’ero anch’io su SL, e pensa che nel pomeriggio non mi sono potuto nemmeno collegare, quindi, dopo la mattinata persa non ho potuto nemmeno seguire la conderenza di David Orban
    :-(

    Ci rivediamo su SL, spero in occasioni piu’ fortunate.


  5. Ops,non ne ero a conoscenza… Divertente ;)


  6. :))) Divertentissima cronaca. Ti avrei voluto vedere Ghezzer, mentre sfottevi Oberdan. E il tuo avatar com’era? Da Uomo-Canederlo? :PPP

  7. aghost Says:

    markingegno, ho fatto una cronaca fedele o no? :)

  8. aghost Says:

    luca, io ero travestito da “anguilla alla trentina” :)))


  9. Ahhh, buonissima l’anguilla alla trentina! Quando vado a Martignano non me la faccio mai mancare :-)

  10. aghost Says:

    martignano? ecchè ci va a fare a martignano? a prendere le anguille :PPP


  11. Aghost, mi sono letteralmente sbellicato dalle risate
    leggendo questo resoconto che sottoscrivo punto per punto… Compresi Renato Zero ed il palombaro con pesce in orbita, hai riferito tutto con puntigliosità ed ironia. Aggiungo solo che, nonostante le 6 ore d’attesa per mezzora di conferenza (tanto ero influenzato a casa), io lo vedo come un ESPERIMENTO positivo ed assolutamente da ripetere, ovviamente migliorandolo. Ho conosciuto anche un sacco di blogger interessanti. Spero che le prossime tappe di RItalia saranno coperte per tutta la loro durata da Second Life, con il supporto di Skype per avere la possibilità anche di intervenire in audio e partecipare realmente al barcamp e cercare di scongiurare gli inconvenienti tecnici che ci sono stati.

  12. aghost Says:

    grazie alex, anche io sono d’accordo con te. Il barcamp ritalia NON DEVE essere giudicato dai risultati immediati, che sono pressoché nulli, ma dal fatto che, per la prima volta, c’è stata un’aggregazione spontanea attorno ad un’idea. Questo è il vero valore di ritalia.it.

    Era il primo esperimento in questo senso, la via è segnata.

  13. markingegno Says:

    Ciao aghost, la tua cronaca e’ fedele, ma non mi hai fatto nemmeno una foto… :-p
    Alla prossima.

  14. Antonio Vergara Says:

    qualcuno mi sa dire se second life funziona con vista? grazie


  15. OT ma ti segnalo questo:

    http://altagradazione.blogspot.com/2007/04/accesso-selettivo-delle-chiamate.html

    Di per sé è un fatto positivo che si possa disabilitare anche gli 892 ma molti utenti che non hanno attivato il blocco per le altre numerazioni lo verranno a sapere solo con la prossima bolletta. Mentre per quelli che hanno già il blocco attivo su 144,166,899 eccetera il blocco 892 sarà automatico senza dover effettuare nessuna procedura.


  16. Un vero peccato che mi sia perso l’evento … ma il resoconto di aghost è brillante!
    Anche io la considero comunque una esperienza POSITIVA. Credo che il coraggio degli organizzatori – non certo premiato dalla fortuna dei principianti – meriti qualche riconoscimento.
    Sono certo che la prossima volta andrà meglio. Sono disposto a contribuire. Sicuramente avrò molto da apprendere … e anche qualcosa da dare (30 anni nel marketing di IBM qualcosa di buono l’hanno lasciato).
    Complimenti !
    Franco Padelletti

  17. aghost Says:

    grazie franco, ti aspettiamo “al varco” al prossimo appuntamento su Second Life, digital divide permettendo :(((

  18. jaco Says:

    Grandioso post :) Molto molto divertente. Per la prossima volta propongo di rifare esattamente gli stessi errori, così puoi scrivere di nuovo un post come questo :)


  19. […] trovato il tempo per bischerate hype come Second Life (con risultati a detta di tutti o irritanti o fantozziani), per la marchettina con Yahoo, e nessuno ha pensato ad attivare, fin da subito, quello che era lo […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: