Linux? No grazie, un’altra volta :)

aprile 22, 2007

Su Punto Informatico è apparsa la notizia dell’ennesima nuova versione di Linux Ubuntu 7.04 chiamata in codice Feisty Fawn e, anche stavolta, si è accesa la speranza che sia la volta buona.

Credo di essere un utente potenziale di Linux, anche se da alcuni decenni uso Windows (quindi non mi ritengo imbranatissimo) che però spesso mi ha rotto a tal punto le  scatole da spingermi a provare Linux in varie versioni, sia “live” che installate.

Credo di aver provato quasi tutte quelle recenti: ma una non vedeva la rete, quell’altra non vedeva il modem ADSL, quell’altra ancora non configurava la scheda video, un’altra c’era da impazzire a fargli vedere il cellulare col modem

Insomma sono sempre tornato indietro con le pive nel sacco perché ho capito che, se si deve configurare una cosa a mano, è un delirio per chi è abituato a Windows. Anche la comunità linux non è proprio quel che si dice “amichevole” coi novizi: una volta ho chiesto a un tizio come configurare un desktop, la risposta sprezzante è stata “leggi le istruzioni!“. Sono andato a vedere al link indicato: 200 pagine!

Un’altra cosa che non ho mai capito è perché il sistema non vede i dischi da subito ma sia necessario “montarli”, e non si sappia mai dove cacchio sono i file sul disco fisso… Sarà forse una questione banale a chi è gia esperto, ma sono complicazioni assurde che fanno scappare a gambe levate chi è abituato alla (realtiva) semplicità di Windows.

Uso il pc anche per lavoro e non sono refrattario alle novità, ma se cambiare sistema operativo significa un altro calvario oltre a quello quotidiano che procura Windows con tutte le sue menate, allora la mia risposta è: no grazie, un’altra volta :)

Annunci

111 Responses to “Linux? No grazie, un’altra volta :)”


  1. conosco un sacco di persona che usano e parlano bene di linux. personalmente se proprio dovessi cambiare windows (adesso uso vista e va benissimo) proverei solo il mac.

  2. Francesco Says:

    L’insieme PC+Sistema Operativo e’ solo uno strumento di lavoro? Allora fino a che funziona non c’e’ motivo di cambiarlo. Da come la metti sembra che il mondo Apple, con lo slogan “it just works” sia ideale per te. Non ne sarei certissimo quando si tratta di “estenderlo”: funziona al prezzo di utilizzare “pezzi” controllati e verificati.
    La nuova Ubuntu 7.04 va molto avanti nel senso di offrire un ambiente controllabile ed amichevole da subito.
    In quanto alla scarsa amichevolezza della comunita’ beh… dipende da chi trovi! L’invito piu’ o meno cortese a leggere la documentazione ha assolutamente senso in moltissime situazioni, considerato che di documentazione ce n’e’ tanta anche del tipo “passo-passo”.
    A me capita di rispondere “ma fare un giro su Google prima di chiedere no?”, spesso la risposta e’ gia’ pronta e disponibile…
    Se oggi vuoi fare un giro su Linux Ubuntu 7.04 (Feisty Fawn) e derivate varie sono probabilmente la scelta migliore. Pero’ non e’ obbligatorio! :-)
    Ciao, f.

  3. Alessio Says:

    un problema risiede nel fatto che ancora linux non scrive su ntfs, ma si limite a leggere.
    bello schifo.

  4. Quillan Says:

    A dire il vero la Ubuntu 7.04 può anche scrivere su partizioni montate NTFS ;)

    Q:

  5. Tommaso Says:

    Se in Linux cerchi un Windows stabile, lascia fare hai sbagliato indirizzo!
    Se cerchi invece un sistema operativo, bello stabile ed efficente allora potresti pure innamorarti.
    La tanto decantata nuova interfaccia grafica di Windows Vista (Aero) in confronto a XGL+Compiz o a beryl è indietro anni luce. Per di più Windows Vista costa uno sproposito, mentre Linux è GRATIS!
    I passi avanti che fa Linux di anno in anno, con tutti i suoi programmi, Windows non li ha mai fatti.
    E’ vero, Microsoft ha il merito di aver portato i pc nelle case dell’utente comune, un po’ per bravura commerciale un po’ perchè era il momento giusto.
    Ma in quanto a stabilità ha ancora molto da lavorare.
    Mi sembra anzi che si torni indietro per tante cose… Una su tutte le chiavi usb di dati.
    Era da dopo Windows 98 che non servivano più i driver, e fin’ora era una delle cose che avevo apprezzato di più, ma guarda un po’ con Vista non c’è stato verso di far andare una chiave usb senza i driver…
    Dici che è un delirio configurare qlc senza aiuto? Forse, ma io trovo molte più guide per Linux che su Windows, e se una cosa proprio non va è davvero colpa di Linux? Non è forse più colpa di dei produttori che ignorano un sistema operativo “nuovo”?
    Forse dovendo dilasciare il codice sorgente per Linux, verrebbero fuori le porcherie che hanno fatto per far andare quel prodotto? Altrimenti non vedo il motivo per non farlo, in fondo avrebbero molti più clienti…
    Un esempio? Le schede video Nvidia… Da quando anni fa rilascio i suoi driver proprietari pure per Linux, la maggioranza degli utenti Linux che volessero anche giocare si sono presi tutti schede video Nvidia, o hanno bestemmiato dietro a Ati finchè non ha fatto lo stesso…
    Ti sei arrabbiato sentendoti dire leggi le istruzioni, ok non ti hanno risposto in maniera cortese, ma immagina in quanti chiedano la stessa cosa nei vari gruppi di discussione, e quanto sia seccante ogni volta dover rispondere la stessa cosa… E’ forse una richiesta tanto terribile quella di cercare su Google un manuale già pronto? Se poi proprio non ci riesci, esistono tantissimi Linux User Group in Italia e nel mondo, hai mai pensato di chiedere a loro una mano?
    Non voglio far qui pubblicità (quindi non dirò di quale lug parlo), ma in quello che frequento io si fanno ogni anno dei corsi di introduzione a Linux, e ci sono sempre più persone che vogliono imparare.
    Tanto che abbiamo dovuto fare una iscrizione a numero chiuso. Che faccio? T’iscrivo al prossimo? :)

  6. me Says:

    Devo ammettere che sono molto incuriosito da Linux e credo di essere anche io un potenziale suo utente, sia per il fatto che è un sistema operativo libero, sia perchè credo che microsoft stia percorrendo la strada sbagliata, sia perchè Firefox insegna che i programmi open source sono ultimamente migliori di altri a pagamento. Ma credo che per chi usa il computer per lavoro, studio, produttività, ecc Linux deva fare ancora dei passi avanti in tema di facilità d’uso e di impostazione, e sono proprio queste “mancanze” che mi rendono restio a passare a Linux, nonostante debba ammettere che l’idea mi affascina!

  7. Tommaso Says:

    Domanda.. Qualcuno di voi è salito in macchina e ha vinto una gran premio? O siete andati a scuola guida e avete preso la patente?
    A parer mio più che facilità d’uso, si dovrebbe parlare di voglia d’imparare… E non mi riferisco a Linux soltanto.
    Vi faccio un esempio, ho uno zio ormai 65enne che mi “stressa” continuamente perchè vuol trasformare i suoi dischi in vinile e le sue cassette in cd per sentire le canzoni in macchina.
    Gli ho spiegato forse 100 volte come fare, ma ogni volta mi chiama perchè (nonostante gli appunti che LUI ha preso) non gli riesce far qualcosa.
    Per lavoro mi accorgo che troppa gente fa esattamente la stessa cosa…
    Studia per prendere la macchina perchè per legge deve avere la patente, e saper almeno mettere benzina, ma per quanto riguarda un computer, no! In questo caso deve essere chi fa il sistema operativo a renderlo semplice! Ma dove sta scritto???
    Se compro un nuovo elettrodomestico, diciamo un forno a microonde, mi leggo il manuale per saper come fare.
    Perchè per un computer, che è infinitamente più complesso di un forno, non devo far la stessa cosa?
    Ad ogni modo, come ho detto prima, i passi avanti fatti da Linux ogni anno sono notevoli, forse qualcuno di voi dovrebbe provare davvero a usare la nuova Live di Ubuntu 7.04 prima di scrivere, sono convinto che rimarrete sorpresi! :)

  8. Luca Rosso Says:

    Fra l’uso dei sistemi operativi elencati c’è la stessa distanza che si ha tra saper cucinare cose sane e genuine con soddisfazione o mangiare cibi precotti, McDonalds o andare al ristorante sperando che in cucina facciano un buon lavoro ed il cameriere pure. Nel secondo caso il semplice scopo è di nutrirsi, arrivare a fine giornata o anche solo avere tempo di dedicarsi ad altro perché si può passare sopra ad un sacco di cose tipo la qualità. Nel caso di Linux invece ognuno cucina quello che vuole, come vuole, quando vuole. La stabilità si ha con la conoscenza, non altrettanto con Windows. Per la cronaca anche io uso Windows, così come in pausa pranzo mi accontento di ciò che trovo (per ora). ;-)

  9. Tommaso Says:

    Ihih bello il paragone con la cucina! :)
    Sarà per questo che il pinguino di Linux è panzuto? :P
    Beh vado a cucinare con Beryl… ciao ciao :)

  10. aghost Says:

    i vari paragoni non mi sebrano pertinenti: anche un televisore, o un’automobile, sono complessi, e allora?

    Non per questo si deve essere periti elettronici o ingeneri meccanici in grado di saper smontare un’auto o il motore.

    Il pc dev’essere proprio come un elettrodomestico, come il forno a microonde o la lavatrice. Semplici da usare, devono essere degli stumenti, invece siamo noi strumenti dei produttori di software: dobbiamo studiare in continuazione e cambiare macchina ogni 2 anni perché obsoleta.

  11. stargazer Says:

    Anche gettare i sacchetti di plastica nel bosco una volta finito il picnic è più facile e pratico ;)

  12. mastro Says:

    @Aghost
    stai parlando di ciò che non conosci.. e stai facendo un sacco di disinformazione…


  13. @Aghost
    Problemi di relatività… l’informatico pretende che un medico (o un panettiere, o un avvocato, etc) quando c’è qualcosa che non funziona in automatico, apra la console, conosca la struttura delle directory (cos’è /etc? Cos’è /var? etc), conosca bash (o comunque la shell in generale) e centinaia di altre cose, per raggiungere la funzionalità che desidera. Non si rendono conto che non può essere così… e ti rispondono anche RTFM… purtroppo il più delle volte hanno ragione (non hai idea di quanta gente va d’istinto a chiedere ad altri piuttosto di spendere il proprio tempo per cercare, e poi, se non ha trovato nulla, chiedere); ma così ci rimettono quelli che magari si sono impegnati a cercare da se prima di chiedere tempo agli altri, ma senza un aiuto non andrebbero comunque avanti.
    Le cose migliorano ad una velocità impressionante… io da 10 anni, ad ogni versione dico che in un paio di anni Linux sarà pronto per tutti… e fino ad ora mi sono sempre sbagliato… ma ti dico di provare Ubuntu per due motivi: a) la mission è proprio quella di fare una distribuzione Linux user-friendly; b) la comunità è meno fondamentalista delle altre. Forse è una distribuzione meno geek, ma certamente più utile. E per “meno geek” non dico “meno bella” (anzi), ma solo meno ottusa.
    Purtroppo il grande problema irrisolto è sempre il supporto dell’hardware, perchè nonostante i milioni di persone che hanno fatto miracoli (ie: reverse engineering) per far funzionare l’hardware senza il supporto dei produttori, non c’è mai la certezza che tutti i componenti hardware che gia’ hai saranno funzionanti una volta che sarai passato a Linux. Per ovviare a questo ci sono due sacrifici da fare: 1) inziare da subito a comprare SOLO hardware che sai essere funzionante con Linux (così tra qualche anno avrai tutto hardware supportato e potrai fare il passaggio in modo indolore); 2) rinunciare spesso alle ultime novità… perchè il supporto per Linux in genere arriva in ritardo proprio perchè viene creato da volontari DOPO che quel determinato pezzo di silicio abbia già raggiunto una certa diffusione. In sostanza, ogni volta che vuoi comprare qualcosa di elettronico che si interfaccia al computer (dallo scanner al cellulare, dalla macchina fotografica alla stampante), devi prima di tutto selezionare le cose che funzionano con Linux e solo dopo scegliere tra quelle… se hai una motivazione profonda (es: etica) che va oltre il piacere di comprarsi l’ultimo ritrovato tecnologico, lo fai; altrimenti non potrai mai passare a Linux.


  14. Direi che La nuova Ubuntu, importando le impostazionid a Windows e avendo di default installato Ndiswrapper e driver proprietari, ´e un passo da gigante nelela direzione giusta. La mai ragazza possiede un Aspire 1691 WLMi, e con Ubuntu l’ha installato e funzionava tutto. Mentre con windows servivano driver per scheda di rete, scheda video, scheda audio, LETTORE CD, chipset, mousepad e SCHEDA USB!!

    Questo per fare un esempio positivo. naturalmente ci sono molti esempi contrari, ma a volte si pu´o riscontrare uno successo.

    L’esempio col forno ha microonde va benissimo, secondo me, per descrivere coem DEVE ESSERE un sistema operativo: un manuale “quick start”, corto, semplice, che ogniuno legge, con interfaccia semplcie e intuitiva, che semplifica l’uso, e cerca di evitare errori del utente, nonch´e la possibilit´a di usarlo in ogni casa, indipendentemente dal fornitore di energia elettrica. Windows ha la parte riguardanzte il manuale (praticamente i lmanuale sono tutti gli altri utenti, che di certo ogniuno ha visto windows in uso prima) e la parte per la corrente (su windows, quasi sempre, i driver ci sono /si trovano), mentre Ubuntu in questo campo sta facendo grandi balzi in avanti, ma ´e ancora indietro rispetto a windows. Per quanto riguarda l’interfaccia, bhe, diciamo che aero ci prova, beryl quasi ce la fa, ma non i siamo ancora. Un due o tre anni ci vorranno, ed avremmo un sistema operativo degnio di essere chiamato “user-friendly”.

  15. MadMark Says:

    Anche io sono un utente Windows e per ora ho provato Ubuntu in versione Live, cioè senza installare niente. Devo dire che invece l’ho trovato molto più amichevole rispetto alla prima volta che lo avevo provato (nel 2003). Certo il primo piccolo approccio è stato più che superficiale, però ha stimolato la mia curiosità. Notevole il download automatico dei driver Nvidia o l’identificazione dei codec per la riproduzione di filmati o mp3.. conto di fare un’installazione completa non appena ho modo di mettere su un secondo Hard Disk (sò delle macchine virtuali, ma preferisco provarlo a modo mio! :) )

  16. aghost Says:

    il discorso della difficoltà di linux va sicuramente allargato anche a windows e alla difficoltà in genere di usare un pc. Basta leggere la rubrica della posta tecnica di qualsiasi rivista di informatica: c’è un campionario sterminato di problemi, anche dei più assurdi e strampalati.

    La difficoltà di usare prodotti tecnologici francamente soprende: ha senso un manuale di istruzioni di un cellulare di 300 pagine? E perché quasi nessuno riesce a programma un videoregistratore?

    C’è una forbice incredibile tra chi inventa nuove tecnologie e chi le deve rendere usabili dalla massa.


  17. Ho imparato più cose in un mese con Linux che in più di dieci anni con Windows…

    Il punto è proprio questo: il sistema operativo è il discrimine tra chi “fa/sa fare” e chi “sa cosa sta facendo”. Indovinate gli utenti GNU/Linux da che parte stanno… :)

  18. Lazza Says:

    Non ditemi che la prima volta che avete usato Windows sapevate fare tutto. Non ci credo proprio. Comunque sia Ubuntu è più facile di Windows e riconosce più hardware.
    Vi faccio solo un esempio buffo: il mio scanner su Windows Xp non funziona per niente mentre ovviamente Ubuntu lo riconosce da solo. È vero, ho dovuto configurarmi il modem usb, ma mi è bastato chiedere su Ubuntu-it ed ho trovato moltissima gente gentile disposta ad aiutarmi.

  19. Ale Says:

    La mia esperienza personale con Windows e Linux è la seguente: sono certificato Microsoft su Windows 2000, ma tempo fa ho voluto provare Linux (Red Hat e Mandrake) perché dopo anni di Windows non ne potevo più di tutte le menate che combina. Risultato: dopo meno di 1 mese sono tornato a Windows (fortunatamente il 2000, visto che XP e Vista sono da buttare). Sarà anche vero che si impara molto di più usando Linux, ma la gente non può impazzire a leggere guide di centinaia di pagine per installare un driver o trovarsi con programmi che su Linux non funzionano (tipico esempio: Photoshop. Ho provato Gimp e non mi trovo per niente abituato come sono a Photoshop. Ora mi si dirà che basta VMWare per far girare Windows sotto Linux, ma intanto è sempre una complicazione in più). Chi distribuisce Linux deve mettersi in testa che un sistema come quello non sfonderà mai finché non diventa più “user-friendly” (e intendo con questo termine che deve semplificare la vita agli utenti, il passaggio da Windows a Linux deve essere praticamente “indolore” anche per i meno esperti). Linux è sicuramente anni luce avanti, ma finché non diventa più “amichevole”, scoraggerà la gente che intende provarlo. Fortunatamente non sono uno che smanetta troppo col PC…una volta installati tutti i programmi che mi servono (PHP, MySQL, Photoshop, PSPad e programmi per il web in genere), non tocco più nulla. Se il PC ha qualche problema so metterci le mani e sistemare le cose, ma Linux risulta sempre e comunque meno intuitivo di Windows. Non è pensabile di perdere ore a cercare in rete una guida o un driver per Linux, leggersi la documentazione e poi magari avere ancora dei problemi. Peccato, perché Linux potrebbe veramente contrastare Windows se si diffondesse.

  20. Lazza Says:

    Vabbé visto che siete prevenuti discutere non servirà a niente.

  21. Tommaso Says:

    Si sta andando fuori discussione… Aghost ha ragione a dire che il computer *DOVREBBE* essere come un alettrodomestico, peccato che un alettrodomestico generalmente fa una cosa sola e bene…. il forno cuoce, il frigo mantiene freddi i cibi,

  22. Tommaso Says:

    ops… m’è scappato l’invio… continuo da qui…
    Il computer invece fa mille cose, (non sempre bene tra l’altro!) quindi mi sembra normale dover imparare a usarlo.
    Forse tutti voi siete nati sapendo correre parlare e far di conto? O facevate nghenghe come me? Siete andati a scuola, e avete imparato a leggere e scrivere?
    Il computer è un bell’oggetto, ma va saputo usare, chi non ha la volontà di imparare dovrebbe farne a meno!

  23. aghost Says:

    ma un pc fa una cosa sola: i calcoli :)
    Gran parte del casino che c’e’ nell’informatica è dovuto alle guerre commerciali, basta guardare alle centinaia di formati… decine di prese diverse, decine di protocolli, centinaia di formati grafici.. ogni produttore tenta di imporre il suo…

  24. aghost Says:

    mi pare che Ale abbia sintetizzato molto bene il pensiero di coloro che vorrebbero ma… non gliela fanno :)

  25. epaminonda Says:

    Secondo me avete parlato di tutto tranne del motivo principale per cui usare veramente gnu/linux, cioè la libertà. Come hai detto tu aghost, ci sono centinaia di formati diversi ed incompatibili. Questo perché ogni azienda spinge per diffondere il proprio formato, incatenando l’utente alla propria applicazione. Io lo chiamo il marketing dello spacciatore. Invece sui sistemi liberi, essendo il codice aperto, ogni formato può essere convertito facilmente, anzi tutti si mettono d’accordo e creano ODF (il formato libero di open office).
    Poi perché foraggiare questo stato di cose, quando c’è davanti a noi il pericolo brevetti o il pericolo di una piattaforma che esclude l’utente (vedi http://www.no1984.org ), come se tu non fossi più il padrone di quello che hai comprato.
    Eppoi feisty è veramente fatta bene, praticamente non c’è nulla da configurare a mano. Se ti serve una mano e la vuoi provare veramente, ti faccio da guida, se vuoi.

  26. aghost Says:

    epaminonda grazie, capisco quello che dici e lo condivido. Ma la massa non ragiona cosi, vuole faticare il meno possibile, e io capisco anche questo. Non si può pretendere che uno legga 200 pagine per configurare un desktop. La gente ha di meglio da fare, ha gia tanti problemi.

    Da qualche parte avevo letto una bella riflessione sulla pubblicità dei trapani, diceva: la gente non vuole il mandrino autoserrante, il tamburo battente o no, 24 velocità regolabili e tutte reversibili, la gente vuole semplicemente un buco nel muro :)

  27. sughero Says:

    Con quello che sta per succedere nel mondo M$ e tutto il drm sta diventando quasi imperativo passare a un sistema libero per rientrare in possesso del proprio pc. epaminonda ti ha dato solo un link ma se vai su http://www.doxaliber.it e ti leggi un paio di cose sul DRM ti viene male…
    Io uso linux dal ’99. se vuoi posso darti una mano.
    Hai detto che hai provato un sacco di distribuzioni ma non scendi nel dettaglio.
    Cerco di rispondere ai guai che hai evidenziato nel post:
    1.
    Mi sembra di capire che il problema più grosso che hai è la configurazione della rete e della connessione a internet.
    Se hai una connessione Wi-Fi o un modem usb allora ti posso dire che non è facile e capisco che per un principiante non sia banale. Se hai un modem ethernet è una cagata.
    2.
    Per quello che riguarda la tua scheda video a meno che tu non pretenda accelerazione 3D, openGL per giocare o per usare cubi in stile compiz-beryl non posso credere che non ti parta il server grafico X con tutte le distro.
    3.
    Tutti i sistemi operativi “montano” i filesystem. Lo fa anche windows. Quando ti si dice di fare la “rimozione sicura” della chiavetta usb non è nient’altro che lo smontaggio del file system. Inoltre non capisco cosa vuoi dire montare i dischi. Cosa intendi? Dischi fissi? CD? Supporti removibili?
    4.
    L’albero delle directory sui sitemi *nix tipo Linux e BSD è molto più semplice che sui sistemi M$. Che cosa vuoi dire dicendo che non trovi i files? Io su windows non riesco mai a trovare un file.
    Sui sistemi *nix gli eseguibili stanno tutti in /bin i file di configurazione tutti in /etc, i log tutti dentro /var/log, i tuoi files personali tutti dentro /home/tuonome, dove sta il casino?
    5.
    La comunità di aiuto attorno a una distro, le chat, IRC compresa ha i suoi guai ad aiutari i cosidetti newbies.
    T’assicuro che dopo che stai li’ qualche tempo non ne puoi più di sentirti chiedere come si crea un link o come si configura la tal periferica. Ovviamente la risposta più gettonata è RTFM (leggiti il fottuto manuale). Posso però capire che all’inizio sia molto faticoso mettersi a configurare un hardware non standard per cui magari esiste solo un driver beta.
    6.
    Ognuno deve trovare la sua distro, il fatto che ci sia questa febbre attorno ad Ubuntu non vuol dire necessariamente che sia la TUA distro. Hai provato con Mandriva o OpenSuse?
    Se hai voglia posso darti una mano comunque.
    ciao e non mollare.

  28. aghost Says:

    grazie dell’intervento sughero :)

    I problemi essenziali che devo affrontare sono:

    1) collegamento a internet con cellulare con modem interno (nokia 6630) con relativo cavetto

    2) usare alcuni software che uso per lavoro e al quale sono molto abituato: acdsee, dreamweaver, painthsop pro

    Sul punto 5 che citi ti invito a riflettere: se tanta gente arriva a chiedere aiuto su cose apparentemente stupide, non significa che qualcosa non va? :)

    Versioni linux: si ho provato quelle che citi, ma nell’uno e nell’altro caso c’era qulcosa che non funzionva, non ricordo piu cosa esattamente. Ora proverò la nuova ubuntu.

    PS: una cosa che mi lascia sgomento, e che giuro non ho ancora capito, è quando tu arrivi sul desktop e non sai dove cacchio trovare i files dell’hd. Mi pare pazzesco che non ci sia un’icona tipo “esplora risorse” ma che si debba “montare” gli hd. Ho inteso male? :)

  29. sughero Says:

    ti rispondo ora, in modo veloce poi vado a letto che è tardissimo!
    Magari nel dettaglio ne parliamo un’altra volta e non sul tuo blog (o pensi che possa essere utile farlo qui?)
    1. non ho capito bene se il problema è il modem interno o il cellulare. Che chip ha il modem interno? se lo colleghi ad una rete fissa ti funziona? Solitamente chi ha problemi con connessioni a internet tramite cellulari li ha per via della connessione (irda, usb, bluetooth). Insomma non ho ben capito.
    2. prima di passare a linux puoi provare sotto windows quei programmi “cloni” di quelli che hai citato opensource.
    acdsee e paintshop sono programmi di fotoritocco, elaborazione immagini. Su Linux lo standard è GIMP. Puoi provare a scaricare Gimp per Windows e vedere come ti ci trovi
    http://gimp-win.sourceforge.net/ .
    Dreamweaver è una GUI per scrivere html mi sembra, esiste un progetto opensource che si chiama nvu
    lo scarichi anche questo per windows, il link è
    http://www.mozillaitalia.it/nvu/
    esistono ovviamente delle strategie per far girare i programmi nativi windows sotto linux ma te lo sconsiglio

    Be’.. ti diro’ che anche io quando passavo troppo tempo su #oltrelinux si Azzurranet perdevo le staffe, la media delle persone voleva un sistema funzionante senza fare nessuno sforzo e t’assicuro che al tempo era molto piu’ complicato installare linux di quanto lo sia ora.
    Tieni conto che uno non viene pagato per aiutarti e campa benissimo lo stesso anche se tu continui a usare windows. Spesso chi aiuta sui canali linux e chi fa proseliti per questo sistema non sono le stesse persone.

    Allora.. il desktop. Sui sistemi Linux e BSD non c’e’ il desktop, o per meglio dire non ce ne e’ solo uno.
    C’e’ un’interfaccia grafica che si chiama X c’e’ un desktop manager e un window manager.
    Ogni distribuzione fa la sua scelta quindi mi riesce difficile comprenderti.
    Se parliamo di DE (Desktop Environments) che sono un insieme di gestore di finestre e del desktop i piu’ gettonati sono al momento 2: Gnome e KDE.
    Ce ne sono pero’ tantissimi altri: Xfce, blackbox, wmaker, enlightenment.. ma è piu’ roba per smanettoni.
    Alcune distro scelgono Gnome (è il caso di Ubuntu) altre KDE (OpenSuse e Mandriva).
    Su tutte le distro puoi poi installarli entrambi.
    Ma ovviamente di default te ne fanno partire uno. Quindi loro a priori fanno la LORO scelta che tu ovviamente a posteriori puoi cambiare.
    Come puoi osservare da questi screenshots
    http://kde.org/screenshots/kde350shots.php
    kde ti permette di accedere al tuo computer e ai tuoi dischi fissi esattamente come l’explorer di windows.
    su Gnome invece
    http://art.gnome.org/screenshots/gnome218
    che è forse quello che hai visto se hai fatto delle prove con Ubuntu il tuo computer lo trovi nel menu’ risorse, ci clicchi, poi su computer.
    Per quello che riguarda il montaggio, solitamente come in tutti i sistemi operativi la root filesystem è montata, ovvero quella partizione dove risiede il sistema operativo. Se tu hai i tuoi files su windows e pretendi di vedere quelli da Linux c’e’ caso che qualche distro non te la monti in automatico.
    Parlo pero’ di installazione native. Forse tu fai riferimento a qualche distro live.
    Tipicamente quando fai un boot da un livecd la root filesystem risiede sul cdrom e NON sul disco.
    Per questo che vede il le partizioni del tuo disco fisso come file system esterni a quello nativo. spero di esser stato chiaro
    ciao e in bocca al lupo

  30. Alberto Says:

    Ubuntu, questo sconosciuto…
    L’unico scoglio che separa il mio passaggio da XP ad Ubuntu è uno soltanto, potermi connettere ad internet.
    Io utilizzo un sistema simile a quello di Aghost, mi connetto con un dispositivo UMTS della Vodafone(Il famoso scatolotto) e in questi giorni mi sono sommerso di appunti vari trovati in rete per riuscire a collegare il mio dispositivo.
    Premetto che non sono un utente esperto, uso il pc soprattutto per divertimento,ed ho anch’io un blog, ma non parlo di tecnologie!(PS:Fateci una capatina, si occupa di cucina!) e quindi capisco chi magari cerca maggior affidabilità e compatibilità con i prodotti commerciali.
    Però mi sono ripromesso una cosa, quella di provare a cambiare.
    Il mio concetto è il seguente: Se posso con XP, devo poterlo fare anche con Linux.
    Avete tutti ragione, chi preferisce Microsoft e chi sceglie Linux.
    Io guardo oltre al fatto che Linux è libero, che Linux te lo crei tu, etc…
    Io guardo all’usabilità del prodotto, se ho dei software che mi funzionano allo stesso identico modo, a questo punto preferisco quello che funziona meglio, che sia Windows o Linux.
    Ovviamente terrò entrambi gli OS, ho partizionato l’HD, e finchè non sarò certo dei miei risultati, non mi sbilancerò più di tanto.
    Ricordo le prime volte che lavorando, commettevo errori che rallentavano il ciclo produttivo, e scusandomi col mio responsabile, lui serenamente mi rispondeva con la frase forse più banale che abbia mai sentito in vita mia: Nessuno nasce imparato…
    Ecco, forse ormai siamo troppo abituati ad avere tutto e subito con semplicità.
    E’giusto che si desideri anche questo, però come scritto già prima, bisogna provare e tentare.
    Se poi Ubuntu o qualsiasi “Distro” fatta su misura diverrà una disfatta, almeno potrò dire di averci provato!
    Aghost, il giorno che riuscirò a connettermi da Ubuntu con quel maledetto scatolotto sarai il primo a cui felicemente risponderò!
    Poi ovviamente ti invierò le istruzioni su come ce l’ho fatta!
    Però ho trovato molte guide su come connettere il tuo cellulare, io ti consiglierei di leggerle… :-P
    Saluti, Alberto.

  31. mastro Says:

    Aghost: la connessione a internet attraverso il modem interno di un cellulare non è esattamente una cosa semplicissima..
    soprattutto perché con windows ti danno i driver/software quando compri il telefono per farlo, su linux esistono dei software, ma devi cercare e leggere un po’
    non è colpa di Linux se ci pensi un attimo. se Nokia non ti ha dato il software per farlo da Linux

    per quanto riguarda i tuoi software
    acdsee puoi farne a meno.. ne esistono altri di programmi simili (es. gthumb) dreamweaver? esistono altri software… ho sentito parlare bene di bluefish, chiaro.. non è uguale identico a dreamweaver.. ma ci si può abituare :)
    paintshop pro è un programma (come dreamweaver) nato e pensato per windows
    è possibile che entrambi funzionino con wine (“emulatore” windows)
    puoi provare.. ma non è detto… comunque sul sito di wine sicuramente puoi vedere se funzionano o meno, e che problemi hanno

    c’è tanta gente che ha problemi su cose banali? perché in windows non c’è forse?
    in più ci sono i problemi di driver che son più frequenti per lo stesso motivo di cui sopra.. (non ti danno un cd con driver linux quando compri qualcosa)
    se scegli di usare linux è sufficiente che compri cose compatibili

    è il kernel Linux + moduli che fanno funzionare le periferiche, l’unica diversità tra distro è la configurazione predefinita del kernel, e la presenza o meno di driver chiusi o il numero di moduli pre-inclusi
    cos’è che non ti funziona?

    ps: io invece non ho ancora capito di cosa parli quando dici che devi montare gli hard disk e non c’è un icona tipo esplora risorse..
    pps: a dire il vero credo di aver capito che non trovi C: D: E: F: e così via e quindi dici che non ha senso… e io faccio finta di non capire.. perché diverso non vuol dire peggiore :) puoi trovare diversi siti che ti spiegano questa differenza.. c’è “qualcosa” anche sul mio blog se vuoi

  32. Ale Says:

    Sughero hai perfettamente ragione su tutto, ma trovo che anche aghost abbia ragione su un aspetto non da poco: il fatto che la gente ha già altri problemi e non intende diventare matta passando a Linux (che riserva incertezze per un novizio) quando ha Windows perfettamente funzionante e lo usa da anni. Il problema è proprio questo: Windows è così diffuso perché è semplice (ovviamente all’apparenza e senza contare tutte le menate che fa) e bene o male lo sanno usare un po’ tutti, almeno per fare le cose più semplici. Finché Linux non raggiunge questo grado di “semplicità” non può competere con Windows per un uso domestico. Saranno sempre i più curiosi e smanettoni a provarlo, oppure chi è pronto ad affrontare un “cambio” radicale del sistema operativo, dei programmi e del suo modo di lavorare. La maggioranza delle persone non se la sentiranno mai di passare dal certo all’incerto. Io che uso Windows 2000 da anni sarei il primo a passare a Linux se esistesse Photoshop CS2 (identico alla versione per Windows) per Linux. Diversamente non mi trovo e non ho tempo e voglia di familiarizzare con altri programmi, seppur equivalenti. Come dicevo ho provato Gimp ma non mi ci sono trovato per niente. Chi col PC lavora ed è abituato ai suoi programmi, non vuole rinunciare a qualcosa “che funziona” per passare a qualcosa che può portare dei problemi di qualsiasi tipo. Ed è questo secondo me il più grande freno per Linux, nonostante le ultime distro siano notevolmente migliorate e automatizzino molte cose. Sarà anche la mia poca esperienza con Linux, ma anche io mi sono trovato come aghost nella situazione che un file manager Linux mi appare più incasinato di quello di Windows. E’ solo un modo di “vedere” le cose. Io trovo molto più logico che gli eseguibili dei programmi non siano in una sola directory per es., ma si trovino sotto la directory in cui il programma è installato. Anche il fatto che Linux usi “sigle” come HDA, HDC, FDA ecc. per le partizioni è poco intuitivo per chi passa da Windows a Linux. Senza contare una cosa fondamentale per chi crea siti e applicazioni web: per Linux non esiste Internet Explorer per provare la resa delle pagine. Quindi bisognerebbe avere comuque Windows installato che gira sotto Linux. Ora che IE faccia schifo lo sanno tutti, ma non si può ignorarlo quando si testa la resa di una pagina sui diversi browser. Ripeto: io sarei felicissimo se Linux soppiantasse un giorno quell’indecenza di Windows, ma se continua su questa strada non riuscirà a diffondersi presso il grande pubblico, nonostante una vastissima comunità alle spalle e il supporto migliorato per molte cose.

  33. aghost Says:

    condivido tutto quanto scritto da Ale. Piaccia o meno, windows è enormemente piu diffuso ed è più semplice da usare di linux, bisogna partire da questo fatto incontrovertibile.

    Se si vuole che Linux sia più diffuso e meno di nichcia bisogna renderlo piu semplice: altrimenti perché la gente dovrebbe sbattersi, dopo aver faticato tanto a imparare a usare windows, a cambiare e imparare un nuovo sistema operativo, con tutti i (prevedibili) casini del caso? :)

  34. sughero Says:

    @ ale
    allora.. l’ultima cosa che desidero è partecipare a un flame sull’opportunità di usare linux o meno.
    Cercare di convincere la gente ad usare linux proprio non mi interessa, è una questione che va avanti da anni questa, ho letto un sacco di articoli scritti da prestigiosi giornalisti che speculavano su quanto Linux fosse maturo per il desktop o meno. A me fa piacere usarlo ma mi frega essenzialmente poco di quanto sia diffuso nel mondo. L’importante è che sia usabile per me.
    Il punto non è come dovrebbe esser Linux perché io o altri lo si possa usare. Linux è fatto nel suo modo, ti sta bene? Lo usi. Non ti sta bene? Nessuno ti obbliga.
    Le resistenze che sento sono abbastanza tipiche quando bisogna affrontare qualcosa di nuovo, mi ricordano i commenti di amici e colleghi che facevano una decina di anni fa sull’uso di internet e posta elettronica.
    Affinché fosse usabile per loro dovevano esserci più pagine web in italiano, la posta elettronica non doveva contenere spam e non mi ricordo piu’ quali altre cose.
    Non è di certo colpa mia se non esiste Photoshop per Linux, magari la responsabilità è di Adobe. Gimp è un progetto autonomo non si è mai prefissato di emulare altri software.
    Io sono convinto che oggi tale sistema operativo non sia solo a pannaggio di smanettoni e che sia piuttosto semplice. E’ un punto di vista.
    Mi sono proposto per darti una mano nell’installazione di una distro, non nel mettermi a discutere o tanto meno a difendere delle scelte a vantaggio di Linux e a scapito di Windows.

  35. Ale Says:

    Volevo aggiungere solo un “caso” per cui a me personalmente passa la voglia di passare a Linux: i driver delle periferiche. Se mi si rompe una periferica come un modem ADSL o devo cambiarla per altri motivi, vado in negozio, compro la nuova periferica e nel 90% dei casi trovo scritto (anche in piccolo se capita): “funziona con Windows e Linux. Nella confezione sono inclusi i driver per Windows. I driver per Linux vanno scaricati dal sito http://www….”. Ora, perché i produttori invece di riempire i CD dei driver con programmi inutili non danno un CD con i driver per Windows, Linux e Mac, così da accontentare tutti? Semplicemente perché, oltre ai costi maggiori e alla perdita del “valore aggiunto” dato da tali programmi di (in)utilità, gli utilizzatori di Linux sono la minoranza e quindi, visto anche che ci sanno fare, possono benissimo scaricarsi i driver per conto loro. Non è un trattamento di serie B per chi usa Linux questo? Se Linux fosse il sistema più diffuso anche i produttori di hardware e software probabilmente inizierebbero a rivedere le loro politiche. Se compro una periferica, quando torno a casa voglio installara e usarla, non perdere tempo a collegarmi al sito, trovare il driver adatto, scaricarlo, installarlo e sperare che poi non subentrino altri problemi o trovarmi in difficoltà con il driver stesso. Tra l’altro, se compro un modem perché il mio si è rotto e non ho altri PC, come faccio a scaricarmi i driver per Linux? Devo andare da un amico o in qualche internet point…quindi altri disagi.

    Per il discorso DRM…sughero non ha idea di quanto gli dò ragione. A me viene male davvero quando leggo certe cose sul DRM, ma i casi sono due: o Linux si semplifica e si diffonde, oppure la battaglia contro il DRM va combattuta dagli utenti che usano Windows boicottando Microsoft e se è il caso piratando software e aggirandone le protezioni. Chissà che Microsoft e i sostenitori del DRM ci sentano meglio quando ogni protezione viene sistematicamente violata. Non che sia a favore della pirateria, ma in questi casi penso sia l’unico modo per far sentire la nostra voce. Anche perché Microsoft non si fa molti problemi a limitare i diritti degli utenti con un DRM, quindi non vedo perché dovremmo farci problemi noi. Alla fine anche chi sceglie Windows deve poter essere libero da “imposizioni e restrizioni digitali”. Io resterò con Windows 2000 finché potrò, poi valuterò il da farsi. Sicuramente, se mai passerò a Linux, succederà tra qualche anno e per allora spero di aver smaltito parecchio lavoro e quindi di avere più tempo per dedicarmi al sistema e abituarmi a un nuovo modo di lavorare.

  36. Lazza Says:

    Ragazzi ma vi informate prima o scrivete senza sapere?

    Photoshop si può installare su Linux. Dreamweaver pure. Flash anche. E molti altri programmi per Windows… Anche se non so chi ve lo fa fare. Anche Internet Explorer si può installare ma provoca conati di vomito vedere un software così schifoso su Linux…

    E comunque il Nokia 6630 si può usare come modem senza troppe complicazioni, basta spendere un pochino di tempo la prima volta e poi va tranquillo.

    Se me lo chiedete vi dò i link di riferimento per tutto quello che ho scritto.

  37. Ale Says:

    @sughero
    Sicuramente, e infatti ti dò pienamente ragione. Linux e Windows sono due mondi diversi e ognuno sceglie quello che preferisce. Ma è proprio questo che secondo me frena Linux. Microsoft è riuscita a imporre Windows proprio per il modo in cui è fatto e per come semplifica (in apparenza) le cose agli utenti anche meno esperti.

    Il problema è che questi due mondi diversi portano appunto alla situazione attuale: un sistema diffuso e uno più di nicchia. Io che sono certificato Microsoft non farei mai pubblicità a Windows perché so che razza di sistema è. Ma devo constatare mio malgrado che la sua diffusione è dovuta alla “sicurezza” (e ho detto una parola grossa!) che dà agli utenti. Tutto l’hardware (o quasi) è compatibile con Windows, i driver sono inclusi nelle confezioni, i PC nascono con Windows preinstallato (chissà quanti sanno che possono farsi rimborsare la licenza e installare Linux).

    Quello che volevo dire è che ci sono mille piccole cose che ancora oggi frenano molti a passare da un sistema all’altro.

    @Lazza
    Beh, se quello che dici è vero, mi sa che è la volta buona che provo a passare a una distro di Linux! :) Il fatto di Internet Explorer…lo so che è un software indecente, ma chi progetta applicazioni web e siti deve testarli anche e soprattutto su IE. Io sarei il primo che invita il mondo intero a buttare IE dalla finestra! :)

  38. Tommaso Says:

    Non vedo tutta questa semplicità in Windows come dite voi, visto che ogni giorno mi telefonano tanti clienti che non riescono a configurare la posta o un semplice filtro antispam neppure con le istruzioni e le foto online…. E generalmente finiscono per pagare 50 e più euro per un intervento di forse 5 minuti!!!
    Semplicemente si sono abituati a una cosa e non vogliono cambiarla per pigrizia, neppure se gli dimostri che per loro un’altra cosa sarebbe più adatta. Parlo in generale, potrebbe trattarsi di Mac OS X, o *BSD invece di Linux e sarebbe la stessa cosa…
    Mai visto persone nel panico perchè un’icona è cambiata? O non è più dove era prima?
    Finchè questa sarà la normalità degli utenti qualunque diversità, sia nel cambio di versione che nel cambio del sistema operativo sarà SEMPRE e comunque traumatico.
    Le pagine di manuale in Linux sono molte è vero, ma questo non è un difetto, anzi… Senza documentazione non si potrebbe sapere per filo e per segno come funziona un programma e come si usa. E’ vero che chi passa dal mondo Windows vedere 200 e più pagine di spiegazioni spaventa, se uno è abituato a 3 righe scritte male e ha imparato ad arrangiarsi e ad ignorarle, vedere quella mole di dati fa impressione. Ma con un po’ di buona volontà s’impara ad amare la buona documentazione, e a far tesoro degli insegnamenti che vi si trova.
    Stesso discorso vale per i gruppi di discussione e i LUG…
    Se non avete volontà d’imparare TENETEVI WINDOWS, pagate licenze, assistenza, e programmi, bestemmiate in silenzio sulle schermate blu, sui programmi che crashano senza motivo, sui virus e gli spyware… e mi raccomando lasciate decidere ad altri cosa potete e non potete fare del VOSTRO computer grazie al “Trusted Computing”.
    Se invece volete un’alternativa chiedete a qualcuno che usa Linux o Mac OS un consiglio.
    Nessuno vi obbliga a cambiare, e Linux è solo l’alternativa più libera, Mac OS è un’altra, ma un domani chissà che non venga fuori Aghost OS! :P ;)

  39. aghost Says:

    tommaso io non sapevo che photoshop e dreamweaver si potessereo installare su linux, grazie :)

    Ma esiste una versione apposita o si installa direttamente lo stesso eìseguibile?

    PS: riguardo al cello, è un Nokia 6630 com modem, che funziona perfettamente con win ma con linux ho bestemmiato a lungo senza cavare un ragno da buco.

  40. Tommaso Says:

    Non uso ne photoshop ne dreamweaver, mi hai confuso con un altro.
    Per il Nokia invece ti voglio aiutare ;-)
    http://3v1n0.tuxfamily.org/blog/category/informatica/linux/?s=6630

    3v1n0 non ha solo quella spiegazione, ma dei repository (cioè server) interi di programmi per Ubuntu e non solo, quindi se ti va di provare, mettilo nei preferiti :)

    Per i cellulari ti posso dire che generalmente i cavetti sono poco usabili perchè nessuno ti da le specifiche di come sono fatti, mentre fortunatamente per il bluetooth e gli infrarossi anche su Windows si appoggiano agli standard e quindi con poco sforzo puoi usarli per navigare.

  41. Tommaso Says:

    Mi hai confuso con un altro, non uso ne Photoshop ne dreamweaver.
    Per il Nokia ti posso aiutare:
    http://3v1n0.tuxfamily.org/blog/category/informatica/linux/?s=6630
    Il sito del buon 3v1n0 è uno dei migliori se cerchi aiuto o programmi per Ubuntu, infatti oltre a scrivere come fare a far funzionare qlc, ha pure un server con i pacchetti dei programmi già pronti.
    Se ti venisse voglia di riprovare mettilo nei preferiti ;)

  42. mastro Says:

    @aghost
    si può sapere perché hai rimosso il mio commento?
    complimenti per la censura

  43. mastro Says:

    @aghost
    aggiungo..
    fa piacere quando uno si mette lì a cercar di spiegare qualcosa e poi lo vede cancellato..
    complimenti vivissimi..

  44. kijio Says:

    @ghost
    1. spero che tu non abbia cancellato davvero mastro .. a meno di frasi palesemente ingiurose
    2. penso che il tuo rapporto con linux non vada in porto perche’ hai un hardware un po’ difficile, o per meglio dire hai poca voglia di capire dove sta l’inghippo. Niente di preoccupante, e’ linux che si deve dare un po una mossa per diventare piu’ compatibile anche se devo dire con le ultime ubuntu si sono fatti passi da gigante. Io ti consiglio di riprovare ancora, credo che nel breve futuro si arrivera’ a livelli molto alti, sicuramente maggiori di mac e windows.
    E se confronti la stabilita’ e la comodita’ di linux, soprattutto con windows, sono sicuro che non ritornerai mai piu’ a microsoft!

  45. aghost Says:

    mastro non ho rimosso nulla ci mancherebbe. E perché mai? Probabilmente il tuo post è incappato nel filtro di askimet, ora controllo :)

  46. aghost Says:

    allora, ho controllato, diversi messaggi sono stati stoppati da askimet (uno anche mio!), la cosa strana è che ha stoppato anche alcuni senza link :( (di solito blocca quelli coi link)

    Ora li ho recuperati e dovrebbero tornare tutti on line :)

  47. Tommaso Says:

    @kijio
    Non è Linux che deve darsi una mossa, sono i produttori di hardware che devono decidersi a rilasciare i driver per Linux, BSD e più in generale *nix.
    I programmatori volontari fanno quel che possono ma senza specifiche ne aiuto fanno anche troppo così!
    I driver li lasciano solo i produttori di schede di rete wired, per le wireless invece buio completo!
    Nvidia da questo punto di vista è da ammirare, non rilascerà il sorgente dei suoi chipset video, audio, e di rete, ne dei controller, ma sui suoi server mette a disposizione i binari per far funzionare tutto anche su Linux e BSD.
    Secondo me è questa la strada da percorrere: convincere i produttori che il mercato degli utenti Linux, Mac, e BSD non è più da ignorare!
    Poi possiamo discutere quanto volete sul desktop più bello.. Kde, Gnome, wmaker, e chi più ne ha più ne metta… In fondo lo spirito del Pinguino è proprio qui, se non ti piace qualcosa puoi sempre riscriverla! :)

  48. Tommaso Says:

    @Aghost
    avevo scritto un messaggio 2 volte in maniera diversa, ti autorizzo a cancellarne uno… ;)

  49. aghost Says:

    @mastro tutti i messaggi sono tornati on line.

    Riguardo al Nokia col modem grazie dei consigli, tornerò alla carica. Però se è vero che “la colpa” dei driver non è di linux ma dei produttori che non li realizzano, bisognerebbe forse chiedersi perché…

    Immagino sia una questione di costi…

  50. mastro Says:

    @aghost
    scusa per le accuse
    cancella pure i miei messaggi dove “mi lamento”

    in quanto al nokia.. non ho mai cercato come fare.. di sicuro non è una cosa semplice

    per quanto riguarda i driver
    non conviene ai produttori perché gli utenti Linux sono “pochi” rispetto agli utenti windows

    in realtà gli sviluppatori del kernel preferiscono le specifiche che i driver in se :)
    ovvero preferiscono scriversi i driver.. ma senza specifiche può esser molto dura

  51. sughero Says:

    @tommaso
    ho trovato anche io quel post, per il nokia, non so quanto possa essere utile a aghost. Lui non ha una connessione bluetooth o usb da configurare, userebbe il cell col cavetto dal modem interno (sempre che abbia capito bene). Inoltre non ho capito se il modem interno con un cavo telefonico su linea fissa gli funziona o no.

    @aghost
    1. è vero, puoi usare direttamente photoshop e altri sw win32s direttamente su linux. Addirittura c’è uno studio sudafricano che usa Autocad su linux e sostiene che funziona meglio che su windows.
    (http://architectafrica.com/bin0/news200411111_wine.html)
    Ora, non te ne ho parlato perché non è a mio avviso la soluzione migliore.
    Wine è un buon progetto, tante case c’hanno basato i loro prodotti sopra, la linspire-freespire punta proprio su wine… e se wine non funziona c’è bochs, qemu, vmware. Ma eviterei di scendere in questi dettagli. Quello che per me devi capire è se hai voglia di sbatterti e provarci oppure no.
    2. Non ho ancora capito come ti connetti a internet!
    Usi quel cellulare come modem e lo attacchi da cavetto usb? Perché in questo caso ha ragione tommaso e come dice la guida di 3vino ubuntu te lo vede non appena lo metti. Se non è così, ovvero usi un modem interno e il cell come telefono vorrei capire che chip ha quel modem.

  52. aghost Says:

    sughero, mi connetto nell’unico modo possibile :)))

    Perchè siccome qui non c’e’ telefono, uso il cellulare nokia 6630 e il cavetto usb!

    Col protocollo edge, visto che non arriva altro :)

  53. sughero Says:

    allora ti puoi connettere anche da ubuntu.
    come ti dice 3vino
    http://3v1n0.tuxfamily.org/blog/informatica/linux/connessione-gprsedgeumts-su-ubuntu-con-nokia-6630-via-bluetooth/#Capitolo%204
    basta che come porta per gnome-ppp scegli /dev/ttyACM0.


  54. Ho rimesso mano a Linux giusto domenica scorsa, con l’ultima release di Kubuntu (non è un errore, è la versione di Ubuntu che si avvia con KDE come desktop).
    Uso Windows in ufficio per l’Autocad (attualmente 2004, ma le versioni si susseguono al ritmo di una l’anno, e la R14 che usano in Africa è ormai vecchia di quasi dieci anni e non legge più i files dei nuovi formati) e MacOSX a casa, dopo essere stato un linuxaro per anni.

    Il principale problema di Linux è l’hardware, o meglio da un lato i protocolli per farlo funzionare, che i fabbricanti considerano (giustamente) proprietà intellettuale, dall’altro l’integralismo dei programmatori che scrivono il kernel che non accettano “pacchetti” software chiusi e provenienti da terze parti.

    In pratica il “kernel team” vorrebbe le specifiche tecniche per scrivere i driver “free” e certificati, ma i fabbricanti non gliele danno perché non vogliono svelare i loro segreti, dall’altro i fabbricanti vorrebbero fornire i “pacchetti” di driver precompilati, ma lì si scontrano col proliferare di distribuzioni, compilatori ed architetture differenti, che fa sì che la certezza di funzionamento non ci sia mai per tutto.

    Perché alla fine Linux non è “uno” come Windows e Mac, ma centinaia di distribuzioni differenti ognuna compilata con sorgenti del kernel diversi, compilatori diversi, eccetera, eccetera.

    Comunque il mio problema mesi fa era con una schedina wireless USB, ed ora Kubuntu la vede(!), mentre per contro Windows XP non vede lo scanner Canon per film…
    :-/

    Comunque, Aghost, la cosa migliore è trovare un linuxaro disponibile, o più d’uno, ed offrirgli una cena a casa tua in cambio di un po’ di smanettamento configuratorio e spiegazioni. In genere accettano volentieri e si ottiene anche di convertire l’uso del pc in un po’ di socialità.

    BTW, Linux è un’antica passione, ma col Mac è stato amore a prima vista.
    E mo’ aspettiamo il “Leopardo” :-)

  55. aghost Says:

    si mammifero, l’altra alterantiva a linux è infatti un Mac :)))
    che mi dici in proposito? :)

  56. sughero Says:

    @mammifero bipede
    quel link agli architetti sudafricani mi aveva colpito particolarmente: è senz’altro originale trovare uno studio di architetti che usa linux per farci girare Autocad. Il fatto non è che quello studio usa la R14, è che quella pagina esiste sicuramente almeno da tre anni. Probabilmente avranno aggiornato i lori sistemi e i loro applicativi. Semplicemente non hanno aggiornato lo howto.
    Hai fatto delle prove con le ultime versioni di wine e autocad? C’e’ caso che funzioni molto bene. Sulla home page di wine c’e’ un link a ogni applicativo win che riesce a supportare con tanto di soluzioni particolari per quel tipo di applicativo.
    La comunità wine è molto attiva, il codice è sotto le mani di molti sviluppatori. C’e’ anche lo sviluppo di un intero sistema operativo (ReactOS) che si basa su quelle.

    @ ale
    Capisco i problemi a cui fai riferimento.
    Oggi è roba da ridere rispetto a qualche anno fa:
    inizia a esserci dell’hardware con scritto sopra “supportato da linux” cosa impensabile solo 3 anni fa.
    Per il rimborso della licenza Windows credo che a parte Attivissimo ci siano solo un paio di persone che sono state in grado di averlo nonostante sia legale e previsto da M$. C’era uno studio che era in causa con la “mitica” Dell proprio per questo. Il problema non è per i desktop che puoi comunque assemblarti tu piuttosto per i portatili!
    Io comunque ho faticato parecchio ma alla fine ho trovato un portatile senza OS da http://www.ideaprogress.it.
    Iniziano a esserci macchine senza windows, la situazione sta cambiando


  57. @aghost
    Il Mac è un computer pensato per essere usato, non configurato. Quello che fai, più o meno istintivamente funziona. Non si impalla (solo una volta in un anno, con un CD masterizzato male, ho dovuto togliere la batteria).
    Nessun problema di nessun tipo. Lo usi e basta. E io ci tengo sopra Firefox, Gimp, OpenOffice ed un sacco di software Open Source.
    Oltre a questo ci sono cose come iPhoto che ha un pannellino di controllo minimale ma ti fa fare nella maniera più semplice del mondo le cose che servono veramente per “aggiustare” le foto, e basta.
    Certo, il fotoritocco è altro, per quello uso Gimp, ma per raddrizzare, ritagliare, correggere il bilanciamento cromatico ed il contrasto iPhoto gli dà una pista. Altrimenti non avrei mai neppure potuto pensare di mettermi a correggere una per una le passa 1500 foto (da 8Mpx l’una) del Camino de Santiago.

    Però ci sono cose a cui devi rinunciare.
    Io cmq. apprezzo il fatto che non ci funzioni Autocad, così non ci mischio cose dell’ufficio. :-)

    @sughero
    Il fatto è che Autodesk è legata mani e piedi a Microsoft, le versioni di Autocad fino alla 2000 con wine riuscivo ad avviarle anch’io (avviarle, che poco dopo crashavano), le ultime se non hai una versione molto recente di Internet Explorer nemmeno ti si installano sotto WindowsXP :-(
    Sono andato sul sito di Wine, i commenti più recenti danno nota di problemi con la versione 2004, mentre sono già uscite la 2006 e la 2007. :-/

  58. gnazzino Says:

    @aghost
    Lascia perdere,
    rimani col tuo bel giocattolone Winzoz,
    non potrai mai essere un utente GNU-Linux fin quando non avrai capito che se non riesci a far funzionare il tuo l’hardware la colpa e’ dei produttori che rilasciano i driver dei loro prodotti per M$ e basta.

    Se io produco hardware e fornisco il driver per un solo SO, senza fornire alcuna specifica per chiunque abbia voglia di svilupparlo da se, come caspita pretendi che una distribuzione Linux funzioni egregiamente per quell’hardware, se nessuno e’ ancora riuscito a scrivere (senza specifiche) un driver (modulo nel mondo Linux) per il pinguino ?

    Rifletti bene, pensaci, forse e’ meglio se rimani con il tuo attuale SO.

    E per dirla con una similitudine con le partizioni, prima di tutto occorre eseguire il comando:
    mount -t auto /dev/brain /mnt/lingua

  59. aghost Says:

    gnazzino grazie del consiglio ma io non pretendo nulla :)

    Faccio delle personali considerazioni, opinabilissimi per carità, da utente-windows-bue che vorrebbe passare a linux ma gli pare che lo sforzo sia superiore alle sue forze. Ho cercato di descrivere le difficoltà, non incolpo nessuno. Ma se Linux non è diffuso cosi come potrebbe ci sarà pure una ragione :)

  60. soviet Says:

    Ma come diavolo fate a parlare di ciò che non avete mai usato/conoscete… e solo per sentito dire? boh, contenti voi e zio bill :)

  61. aghost Says:

    soviet, se tu leggessi meglio, sono le opinioni proprio di chi si avvicina a linux proveniendo da windows, quindi con le difficoltà appunto di chi non conosce questo s.o.

    Ma le tue argomentazioni dove sono? :)
    ciao

  62. mastro Says:

    @aghost
    nessuna transizione è indolore o “senza fatica”
    specialmente quando la transizione parte su hardware che è stato pensato e progettato per windows ;)
    se tu PRIMA comprassi hardware che sai essere compatibile con Linux la transizione sarebbe molto più indolore
    salvo l’abituarsi alle novità

  63. sughero Says:

    he he.. a proposito del flame windows/linux ho trovato questa chicca di davide bianchi del 2004
    http://www.soft-land.org/commenti/boring

  64. Lazza Says:

    Ehi, sia chiaro, neanche io uso quelle schifezze di programmi tipo Flash o Dreamweaver. Ma su linux si possono far funzionare senza troppi sbattimenti.

    @Sughero, bello il link. :-D

  65. Fish Says:

    Non sono ancora stato in grado di far girare quel cesso di winmodem ( se fossi coperto da adsl sarebbe tutto + semplice ) ma prima o poi ci riuscirò w gpl w tux

  66. Tommaso Says:

    @Sughero
    Ho appena preso un portatile nuovo marchiato HP, loro il rimborso per Windows me lo vogliono dare… mi rimborsano l’intero portatile e se lo vogliono riprendere… -_-
    Ovviamente gli ho risposto picche!
    Se volete vi terrò aggiornati, il rimborso è un mio diritto e intendo andare fino in fondo per averlo!
    Per ora gli ho mandato un ultimatum per raccomandata…

  67. aghost Says:

    sughero e tommaso, credo che l’unico in italia ad essere riuscito a farsi rimborsare windows sia il tignosissimo attivissimo :)

    sul suo blog credo che ci sia il racconto di tutta l’odessea :)

  68. Tommaso Says:

    Io li porto pure dal giudice, non ho problemi…
    La legge per una volta è dalla mia parte e non ho furia…
    Tanto mi dovranno rimborsare il prezzo ATTUALE di listino di Windows XP Home (116€) più gli interessi, più le altre spese…
    Ah cmq Paolone non sta mica più in Italia… si divide tra Svizzera e Inghilterra se non sbaglio… beato lui :D

  69. aghost Says:

    tommaso, tienici informati! :)))

  70. Lazza Says:

    Sì, tienici al corrente. :-D

  71. Tommaso Says:

    Ci vorrà un bel po’ prima che vi possa aggiornare, ma lo farò statene certi! ;)

  72. Tommaso Says:

    @sughero
    Ho notato solo ora il tuo link, si è una chicca :)

    @tutti
    Dallo stesso sito di sughero, leggete le storie dalla sala macchine! Io mi faccio sempre tante risate anche dopo la 100sima volta che le rileggo :)

  73. sughero Says:

    @Tommaso sono un classico senza tempo le storie dalla sala macchine!!

    @tutti
    Avrei bisogno di qualcuno che mi dia una mano. Ho scritto uno howto riguardo l’audio su linux in Latex qualche annetto fa, convertito facilmente in html grazie ad un simpatico applicativo. Volevo metterlo online ma non riesco a importarlo decentemente su wordpress. Se qualcuno ha un minimo di esperienza su wordpress, su come importare documenti html, su come importare direttamente una cartella html in un blog mi dica “io ci sono” o mi contatti, grazie :)

  74. aghost Says:

    sughero, magari spieghi anche a me come cacchio si importano i file in wordpress???

    E sopratttto, dove cacchio vanno a finire i post importati???? Grazie :)

  75. sughero Says:

    Per importare degli articoli su wordpress basta che vai nel menù gestione-importa.
    Il fatto è che wordpress supporta solo 4o 5 formati tra cui (cito a memoria) blogger, livejournal e wordpress.
    Gli articoli importati finiscono come nuovi post.

  76. aghost Says:

    sughero, io ho provato varie volte dal menu gestione importa: prima li ho esportati in xlm, poi importati ma non si capisce assolutamente dove vanno i post importati!!!

  77. sughero Says:

    io ho provato due volte e mi è andata fatta bene.
    La prima da un file xml esportato dalla stessa versione di wordpress, la seconda da blogger di google dopo aver fornito le credenziali.
    I post importati compaiono come nuovi articoli, non so se pubblicati o come bozze (mi par di ricordare addirittura come pubblicati). non so che dirti

  78. Lazza Says:

    Vi conviene fare un nuovo post e da lì c’è l’opzione per importare file con formattazione complessa. ;-)

  79. aghost Says:

    lazza non ho capito niente: ripeto la domanda, dove diavolo vanno a finire i post importati???

    Io ho provato ma non si trovano da nessuna parte, ma possibile che quelli di wordpress abbiano incasinato a tal punto una cosa cosi semplice?

  80. sughero Says:

    @lazza
    non ho mica capito! Nuovo post vuol dire menu’ scrivi – scrivi articolo? Da li’ non ho trovato nessun modo per importare.

    @aghost
    ripeto, nulla di cosi’ complicato. I post importati mi sono finiti come nuovi articoli, così come prevedibile

  81. Lazza Says:

    @ Sughero, sì esattamente.
    Se premi Shift+Alt+F appare l’editor avanzato, che ti offre l’opzione “Incolla da Word”. In realtà puoi usarla anche se copi una pagina web che stai visualizzando con il browser.

  82. sughero Says:

    @lazza
    l’editor avanzato l’ho attivo di default e non ho trovato nessuna opzione per importare. Qui alt+shift+f è l’allineamento a sinistra.
    Abbiamo lo stesso editor? Ho fatto una foto del mio qui:
    http://www.divshare.com/download/566943-8d9
    dico che forse non è lo stesso perché su wordpress-mu o se usi dei plugin l’edito puo’ essere diverso ad esempio questo:
    http://www.divshare.com/download/566950-c75


  83. […] una sorta di “comunità” che non riuscendo ad installarlo o a usarlo in modo decente scrive articoli dicendo che questo sistema operativo non è maturo per il […]

  84. sughero Says:

    aghost, ti ho citato ma non è stato il tuo post a farmi inviperire quanto quello di buonanno

  85. TuxForce !! Says:

    Ho letto qui e la quello che avete scritto …. vi dico la mia…

    la mia ragazza mi ha stressato per la reinstallazione di win xp sul suo Desk…. ho perso 3 giorni per rimediarle i driver perchè ha perso i CD originali. Ma nulla hardware vecchissimo e non trovo nulla.. ne parlo ad un amico che mi dice a sua volta che il fratello su un vecchio portatile con lettore cd ha installato linux e non servono i driver…
    mi informo mi consigliano ubuntu… mi scarico la live la installo… MIRACOLO… autoriconoscuto TUTTO… persino i bottoncini del volume sulla tastiera che per farli funzionare da windows devi vendere il tuo orgoglio allo strozzino di turno che ha il negozietto di pc… che si tiene la macchina un mese per sentirti dire : non funziona perchè è incompatibile! Ma dai… con linux e Google è una minkiata far funzionare un pc.

    io sono nuovissimo di linux, c’è chi si spaventa a sentir parlare di shell… io lo stesso all’inizio mi son spaventato.. ma i tutorial sono una figata.

    Mentre in un tutorial windows devi vedere le immagini, cercare le TAB i bottoncini nascosti le impostazioni più occultate… ok cancel annulla applica..

    il tutorial linux non necessità di questo

    trovato quel che ti serve e con un minimo di intelligenza
    semplicemente fai COPIA E INCOLLA DEI COMANDI SENZA AVER LA NECESSITà DI CAPIRE CHE MINKIA STAI FACENDO… e tutto va in porto…e se non funziona una cosa c’è un cavolo di log che ti dice il perchè non funziona… e se incolli quel dannato errore su google… ci sarà un forum che ti da la soluzione !!!

    Con windows spesso e volentieri ti incarti in quei siti che ti incartano con file strani che nella maggioranza delle volte sono tutt’altra cosa…

    questa è la mia esperienza cruda.. assolutamente pratica.. se poi vogliamo fare speculazioni filosofiche a bhè allora ci sarà sempre qualcuno che pensa che windows è più semplice di linux….

  86. Tommaso Says:

    Mi avevate chiesto di tenervi aggiornati e vi aggiorno….
    Dopo la telefonata di una signorina di HP, che mi offriva il rimborso del notebook (che avrei poi dovuto restituire!!!), ho scritto una raccomandata di messa in mora, con richiesta di risarcimento per l’importo della licenza più spese varie.
    I 15 giorni di tempo per HP sono ormai scaduti, pertanto non mi resta che rivolgermi al giudice di pace per farmi rimborsare.
    In settimana vi dirò che mi ha detto il giudice, dopo che ci sarò andato a parlare.
    ciao a tutti.

  87. Lazza Says:

    @ Sughero, io intendevo l’editor veramente avanzato. Adesso hanno aggiunto un pulsante sulla barra per farlo apparire (come quello nella seconda immagine che hai postato).
    @ TuxForce!!, va SEMPRE così. Chi ti racconta diversamente è solo pagato da Microsoft. :-)

  88. aghost Says:

    tommaso restiamo tutti in trepidante attesa degli sviluppi :)))

  89. Tommaso Says:

    ciao a tutti
    Piccolo aggiornamento, HP mi ha FINALMENTE risposto per raccomandata con ricevuta di ritorno.
    Indovinate un po’? “Siamo spiacenti di comunicarle che le procedure HP non prevedono la possibilità di rimborso dei singoli componenti dei prodotti (incluso il sistema operativo) preinstallati sui nostri computer, anche qualora il cliente non desideri utilizzarli.” Ma va? peccato lo preveda la licenza acclusa a quel software…
    Poi mi dicono di fargli sapere per fax che voglio fare visto che mi confermano la possibilità di rimborsare per intero il prezzo del notebook, salvo restituzione del tutto…

    …to be continued… ;-)

  90. aghost Says:

    grazie tommaso, ora che hai intenzione di fare? :)

  91. Tommaso Says:

    Aggiorno aggiorno….
    Caro Aghost mi chiedevi che intenzioni ho? c’è da domandarlo? Sono in contatto con una degli avvocati che hanno seguito il caso pilota contro HP, in questi giorno dovrebbe essere uscita la sentenza.
    Appena riesco a sentire l’avvocatA vi ri aggiorno ;)
    Nel frattempo vi dico che la famosa clausola dai notebook HP è sparita nelle nuove versioni con Windows Vista, non solo, lo stagista che proprio oggi ha finito di venire a lavoro da me, mi ha detto che è sparito pure il tasto RIFIUTA!!!
    Sugli HP o accetti o riavvii, riavvii riavvii….
    Beh che dire? Io amavo HP per la qualità dei suoi prodotti, ma credo che quando manderò in pensione il mio portatile cambierò marca… W le politiche aziendali furbe! Specialmente perchè non la consiglierò mai a nessuno… e di consigli gli amici, gli amici degli amici, e i parenti di tutti questi (senza contare i clienti) me ne hanno sempre chiesti tanti….
    Alla fine di tutto quanto ci rimette HP? :P

  92. frank Says:

    Io uso sia windows che GNU\debian e voglio dire che per l’stallazione non ho avuto problemi. quelli però sorgono quando lo devi configurare, comunque ci sono riuscito ma devo dire che con windows l’avrei fatto in 1/10 del tempo. Questo è dovuto al fatto che effettivamente windows è più intuitivo. Per quanto riguarda windows vista è ‘na schifezza ha tentato di copiare un po’ del Mac e un po’ da linux (per la sicurezza ) creando un’interfaccia lenta e rotture di cog**oni agli utenti con tutti gli avvisi quando devi avviare un programma, mentre con Compiz il computer va veloce e ha effetti grafici superiori

  93. mastro Says:

    No
    non è dovuto al fatto che windows è più intuitivo

    è dovuto principalmente a 2 cose:
    1) Linux spesso non è supportato dai produttori
    2) Non sei abituato e quindi non sai cosa devi fare


  94. Questa discussione mi fa venire in mente tanta gente diquando ero un po piu’ piccolino, che in ritardo di circa 10 anni si era avvicinata al computer.. essendo gente di una certa eta’… ricorrevano a manuali e corsi…. senza fare troppi esperimenti, onde evitare di scrasciare il PC.. questi prodi combattenti dell’informatica, dopo 2 anni di esperiemnti con il DOS, dopo aver scoperto ogni singola recondita istruzione del GWBASIC, tutta la tabella ascii a memoria…

    SI SONO TROVATI CON WINDOWS 95..

    il dos era sparito, l’ascii non si sapeva neppure come digitarlo con la tastiera, il gwbasic era partito per la tangente…

    2 anni di lavoro, buttati (il che nn e’ vero), e il definitivo allontanamento dal computer.

    .. e idem e’ successo con linux, quando sono apparse le prime interfacce grafiche, i “vecchi” di linux, quelli che ascoltavano mp3 dal propt comandi.. hanno rinnegato l’interfaccia grafica, che era quello che faceva somigliare linux a windows… e dopo un paio d’anni… hanno buttato il PC per comprarsi un MAC (essendo rimasti indietro sia con Win che Linux)…

    e la stessa succede con le API di windows, con le librerie MFC di Microsoft, 2 anni ad imparare ad usarle, ed ecco che vengono riveste completamente, o si scopre che sono di un inutilita’ pazzesca… che il porting del software e’ necessario, e che i Framework risolvono tutti… bene, usiamo questo benedetto FRAMEWORk… ma tra 2 anni? se microsoft decide che l’Xbox e’ il computer del futuro, e che il framework e’ stato rigettato da linux e mac?

    in ordine di compatibilita’ hardware, al momento i prodotti sono cosi’ in fila:

    WINDOWS
    OSX
    LINUX
    SYLLABLE

    e quelli di seguito neppure li cito, in quanto non riconoscono neppure un disco SATA…

    e il syllable? chi lo conosce? e’ stato creato per le segretarie degli uffici, e qualcuno ha perso anni nello sviluppo…. mentre altri super produttori, convinti di aver sviluppato il sistema operativo piu’ spettacolare del mondo, investendo tonnellate di dollari e euro, se ne escono con Solaris 10 (che nn riconosce i dischi fissi (per home computer), e nn hanno intenzione di sviluppare driver per hardware di base…)

    non ci sono parole… e quando vedo la comunita’ europea fare un amega multa a Bill Gates per il Mediaplayer???.. ma porco zio!, la fondazione Gates, quei soldi li avrebbe usati per ospedali e ricerca!!!, e se li prende la comunita’ europea con il suo magna-magna??? ma vaff!… se fossi in BILL per prima cosa toglierei il supporto lingue europeo a WIndows, tanto per ripagare del BENVENUTO l’europa… e perderei piu’ tempo a svilupparlo in arabo o cinese…

    siamo un popolo di frignoni, senza voglia di far nulla, e riusciamo pure a criticare i prodotti che usiamo tutti i giorni.

  95. aghost Says:

    bello questo intervento davy :)

  96. MadMark Says:

    No, non bello… fantastico! :-)

  97. Lazza Says:

    @ Davy,
    “la fondazione Gates, quei soldi li avrebbe usati per ospedali e ricerca!!!”
    Ah ah ah! :lol: Questa barzelletta è magnifica, eccezionale; mondiale!!!
    Non ne avevo mai sentita una così. :-D Grazie di avermi fatto fare una risata.
    Passando alle cose serie, la Apple e la Fondazione Gates sono due cose inventate rispettivamente per far vedere che a. Gates non è in monopolio, b. Gates non fa manovre al limite della legalità solo per guadagnare soldi, ma che scherziamo! Lui è un mecenate! Lo fa per la gloria… :-|
    Scusa eh ma non ci credo per niente.


  98. ringrazio aghost e madmark per il gentil-riscontro…
    capisco perfettamente anche Lazza…
    vedo che c’e’ il disegnino del pinguino (che personalmente odio.. e’ proprio brutto… brutto quando quello della finestrella di windows)

    io, perdo tempo da anni a sviluppare software e a regalarlo (se qualcuno lo volesse…) sviluppo dal gioco online, al programma di utilita’..

    e NN per solo per WIndows.. anche per LInux (basta dare un occhiata a http://www.wcn.it/soft.html )

    io personalmente uso ubuntu come distribuzione, la 7.10 e consiglio vivamente a tutti quelli che leggeranno di provarla una volta… (il pinguino nn appare da nessuna porte :) )
    riconosce dischi sata (gia’ da tempo).. nn fa casino con la partizionatura, il mounth e’ automatico come su win.. ed e’ veramente veloce.. anche con le finestrelle gommose (provate a playare un filmato con vlc e a smongolare la finestra col mouse.. viene fatto in tempo reale!)

    e’ sicuramente una distribuzione matura e sostituitibile a windows…

    bello… se sei un utente… perche’ se vuoi sviluppare…. dimenticati il 3d… e’ ancora fuori portata.

    quando vedo microsoft regalare il kit di sviluppo per Xbox360… mi rendo conto che a questo mondo.. se uno e’ motivato, e vuole veramente diventare un programmatore (giochi 3d attuali) lo puo’ fare SENZA SPENDERE UNA LIRA.. usando un ambiente di sviluppo che e’ costato anni di sviluppo…

    scarico visual c# (o c++) GRATIS in versione EXPRESS (perfettamente funzionante)
    scarico l’ XNA framework GRATIS…
    scarico degli esempietti ….

    ed ecco a sviluppare giochi 3d compatibili con x360…
    e nn ho speso una lira.

    Microsoft per fare guerra a sony, ha regalato a tutti un ambiente di sviluppo che anni fa sarebbe stato impensabile (lo yaroze per play1 ve lo ricordate? sony voleva soldi anche per aprire lo sportello del cd)

    io dico solo che microsoft sta’ portando avanti lo sviluppo informatico mondiale, fornendo mezzi gratuiti (di elevatissima qualita’… vedere Borland C++) a chi nn ha soldi e nn ha intenzione di lucrare sui software auto-prodotti.

    e Bill .. lo sa di non essere un dio, e che morira’ entro i prossimi 50 anni.. e sa anche di aver gia’ fatto piu’ di ogni altra persona sulla terra… non vedo il motivo di negare della beneficenza a bambini che non hanno ancora COLPE (futuri utenti di linux? ahha)… non e’ il diavolo… se le persone cattive del mondo fossero come lui… si starebbe molto meglio.

  99. aghost Says:

    grazie per il bel intervento :)

  100. lucamax Says:

    Ritorno al tema iniziale, uso i pc da ormai 23 anni , Linux l’ho iniziato ad usare lunedi scorso installandolo su un notebook Dell latitude D400 comprato su Ebay a 250 euro, installato Ubutu gutsy Gibbon mantenendo con il dual boot Win XP Pro che era installato sul latitude.

    L’installazione e’ avvenuta in modo automatico e TUTTO e’ stato riconosciuto perfettamente,da notare che sul Latitude ci sono:
    – Wifi
    – Bluetooth
    – lettore DVD-masterizzatore esterno

    Connesione con telefono UMTS bluetooth per navigare in rete avvenuta senza problemi tramite GnomePPP
    Connessioni di rete con Fastweb fibra o altri PC windows senza nessun problema.

    Con molta sorpresa ho visto Scanner , stampanti USB , Ipod NANO funzionare pochi secondi dopo il collegamento senza dover scaricare driver dalla rete o dover autenticare la mia copia di windows.
    Palm T3 resuscitato ed installato .

    A farla breve un esperienza MOLTO POSITIVA

    Credo che pero’ per avere successo con una installazione Linux penso sia fondamentale che il vostro hardware sia di qualita’ e generalmente diffuso.

    In conclusione compratevi anche usato un computer di qualita’ (Dell o IBM) installate Ubuntu Gibbon in dual boot e vivete felici.

    Unico difetto di Ubuntu sul mio Dell D400, quando chiudo lo sportellino del monitor non va in modalita’ sospensione, pazienza…

  101. Stef Says:

    Red Hat 6 e penna wireless usb.
    Una settimana di lotte, ricompilazioni e quant’altro
    Sono tornato a win


  102. Ubuntu/Linux From Scratch/Mint/Suse e tablet Wacom/Aiptek:
    tutte le configurazione riconosciute subito, ecetto Linux From scratch, dove ho dovute configurare xorg.conf
    Che tipo di penna avevi?

  103. Tommaso Says:

    Rieccomi qui a rispolverare questo vecchio post…
    Come promesso vi aggiorno sulla licenza.
    Ho scritto un lungo post sul mio blog (www.libertadigitali.net), dove racconto tutta la storia fino ad oggi.
    HP ha perso la sentenza dal giudice di pace, ed è stata condannata a pagare il rimborso più le spese processuali, ma non le è bastato e ha fatto ricorso!!!
    Da parte mia io ho minacciato un’altra causa al momento della sentenza, e ho ricevuto un’altra lettera uguale a quella scritta quasi un anno fa…
    Ora la causa è stata presentata!
    Vediamo come andrà ;)

    Saluti

    Tommaso

  104. aghost Says:

    certo che sei davvero un osso duro, bravo :)

  105. Tommaso Says:

    Durissimo!
    La cosa bella è che per lavoro con HP mi tocca pure lavorarci :P
    E proprio uno dei tecnici venuti in azienda mi ha detto continua pure che tanto la vinci!
    GHGHGH…
    Mi sembra molto Davide contro Golia, ma la storia non dovrebbe insegnargli qualcosa???

  106. Tommaso Says:

    Guarda un po’ qui…
    http://www.libertadigitali.net/drupal-6.2/node/14

    Qualcosa si muove ;)
    Non vedo l’ora arrivi il 1 di Luglio ;)

  107. Tommaso Says:

    Aggiornamento :D
    Come promesso vi aggiorno nuovamente…

    La vecchia storia e’ qui:
    http://www.libertadigitali.net/mainsite/node/2

    La prima udienza dal giudice di pace invece la trovate qui:
    http://www.libertadigitali.net/mainsite/node/10
    Sono post abbastanza lunghi, ma in alcuni casi sono pure esilaranti ;)
    ciao ciao

  108. aghost Says:

    grazie tom :)

  109. Tommaso Says:

    Prego :)
    PS: se l’11 comprerai la Repubblica con l’inserto del venerdì, mi sa che avrai una sorpresa… ;)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: