La Goldman Sachs froda lo Stato per 600 milioni di euro: ministro Schioppa nulla da dichiarare?

giugno 3, 2007

Goldman Sachs, la quarta banca d’affari del mondo che ha avuto come consulenti Romano Prodi, Mario Monti, Tommaso Paodoa Schioppa, Massimo Tononi e l’attuale governatore di Bankitalia, Mario Draghi, avrebbe frodato lo Stato italiano per 600 milioni di euro (1200 miliardi delle vecchie lire). In un esposto inviato alla Procura della Repubblica di Milano, sede legale di Godman Sachs, l’associazione consumatori Adusbef scrive:

“Approfittando delle differenti legislazioni fiscali in vigore nei paesi europei, Goldman Sachs International, quarta banca d’affari nel mondo, che ha avuto – come si ribadisce- il vicepresidente ed attuale Governatore della Banca d’Italia Mario Draghi responsabile per l’Europa nel periodo incriminato (2002-2005), ha attuato una ingegnosa truffa ai danni dello Stato italiano per la somma di 202 milioni di euro;

– Mediante un ingegnoso ma fraudolento sistema,Goldman Sachs, poco prima del periodo del distacco delle cedole,effettuava il trasferimento in altri Paesi (prevalentemente in Inghilterra) delle azioni di società italiane quotate in borsa, detenute anche da investitori istituzionali (fondi pensione e altro) in modo da creare le premesse per eludere la doppia imposizione fiscale.

– Quindi partiva la richiesto di rimborso, ma subito dopo i titoli tornavano in Italia. –

– L’operazione, denominata “Easy Credit” è stata denunciata dall’Agenzia delle Entrate,la cui sede legale è a Pescara, perché proprio in Abruzzo confluiscono le richieste di rimborso dei crediti di imposta;

– L’agenzia delle Entrate,insospettita da un’autentica valanga di domande di rimborso,oltre 40.000 (quarantamila) proveniente solo da Goldman Sachs, la cui sede legale per l’Italia è a Milano in Via Passaggio Centrale,2, ha così segnalato all’autorità giudiziaria un marchingegno truffaldino,che sarebbe stato messo in atto anche da altri soggetti stranieri residenti in Francia, ma operanti in Italia;

– Nonostante tali pesanti accuse di frode fiscale ai danni dello Stato, che Adusbef chiede di approfondire all’On.le Procura della Repubblica di Milano,competente per territorio,Goldman Sachs continua a godere in Italia di inusitati privilegi, ed invece di essere sospesa dall’Albo delle banche di riferimento del ministero dell’Economia in via cautelare, è stata scelta come banca capofila lo scorso settembre in occasione del bond lanciato dal Governo italiano per 3 miliardi di dollari.

E’ scandaloso ed inaccettabile che il Governo, ben a conoscenza della truffa non abbia chiarito una vicenda che coinvolge direttamente il Governatore della Banca d’Italia Draghi (ex manager Goldman Sachs n.d.a.), come complice. Adusbef ha segnalato senza esito tale frode in una lettera inviata al ministro Padoa Schioppa.in data 25.10.2006. Risulta che anche la Procura di Milano abbia aperto un fascicolo.

Di seguito la lettera che l’Adusbef ha scritto al ministro Tommaso Padoa Schioppa:

Elio Lannutti (Presidente Adusbef)
Roma, 1 giugno 2007

Al ministro dell’Economia
Dr. Tommaso Padoa Schioppa,
Via XX Settembre, 97
00187 R O M A
Oggetto: frode fiscale Goldman Sachs

Egregio signor Ministro,

abbiamo appreso che il ministero dell’Economia si è avvalsa di Goldman Sachs, come banca di riferimento privilegiata, anche nel piazzamento dell’ultima emissione di global bond decennali da 3 miliardi di dollari, con scadenza 20 settembre 2016, in qualità di lead manager, assieme a Citigroup e Jp Morgan.

Volevamo informarla, signor Ministro, che Goldman Sachs International, quarta banca d’affari nel mondo, è sotto processo da parte della Procura di Pescara per una ingegnosa truffa ai danni dello Stato per 202 milioni di euro. La banca infatti, che ha avuto come vice presidente e responsabile per l’Europa Mario Draghi, l’attuale Governatore di Banca d’Italia nel periodo incriminato (2002-2005), avrebbe messo in atto un meccanismo truffaldino con il quale le azioni di società italiane quotate in borsa, detenute anche da investitori istituzionali (come fondi pensione e altri), poco prima del periodo di distacco delle cedole dei dividendi, venivano “trasferite” in altri paesi, in prevalenza in Inghilterra, in modo da creare le premesse per evitare la doppia imposizione fiscale.

Quindi partiva la richiesta di rimborso, ma subito dopo i titoli tornavano in Italia. L’indagine denominata “Easy Credit”, tuttora in corso, che può portare a sviluppi clamorosi, potrebbe essere estinta (dal punto di vista fiscale, non penale) se Goldman Sachs versa alle esangui casse del fisco italiano, la “miseria” di 202 milioni di euro.

Se negli Stati Uniti una banca viene solo sospettata di frode fiscale ai danni dello Stato, viene immediatamente depennata dalle banche di riferimento del Tesoro americano. Le chiediamo quindi, signor ministro di depennare Goldaman Sachs (che vede il prof. Mario Monti come alto dirigente per l’Europa), dall’elenco delle banche del Tesoro italiano per giusta causa, almeno fino a quando non sarà chiarita la vicenda giudiziaria e fiscale in tutti i suoi aspetti.

RingraziandoLa per l’attenzione, l’occasione è gradita per inviare
Deferenti saluti
Elio Lannutti (Presidente Adusbef)

Annunci

15 Responses to “La Goldman Sachs froda lo Stato per 600 milioni di euro: ministro Schioppa nulla da dichiarare?”

  1. Luca Rosso Says:

    Che bello. Siamo proprio messi bene, sob :-(

  2. aghost Says:

    si benissimo davvero :(
    La cosa tragica è che queste cose gravissime passano nell’indifferenza generale :(((

  3. MFP Says:

    Concordo Aghost, non è pensabile che non se ne parli per 1 settimana su tutti i giornali. E’ uno schifo. Un affronto all’intelligenza dei lettori.

    Abbandonate il Partito Democratico… non gli date retta finchè tutti questi signori non si saranno tolti dalle palle.

  4. aghost Says:

    sono settimane che ci maciullano gli zebedei sul caso Visco (devo ancora capire cos’e’ successo esattamente), ma zerovigolazero sulla goldman sachs che froda lo Stato per 600 milioni di euro (mica nocciole).

    Forse perché un bel po’ di gente che sta al governo era consulente della 4a banca d’affari del mondo? Ma che fiducia si può avere in uno Stato del genere?

  5. Luca Rosso Says:

    600 milioni sono l’1,5% circa di una finanziaria pesantissima come quella di quest’anno. Il caso Visco emerse già a luglio dell’anno scorso pare (ma vorrei trovare qualcuno che mi dia conferma), solo che allora nessuno se lo filò. La carta Visco giocata al giorno d’oggi serve solo per atterrare un avversario già vacillante di suo, proprio come succede in uno sport dove non conta partecipare, l’importante è vincere! Ciò che mi turba è che se volessero giocare a risiko nel loro salotto non me ne fregherebbe di meno, quando invece si mettono a giocare usando il contribuente o il cittadino che vuole farsi anche un po’ di affari suoi il discorso cambia. Gli ultimi due esempi li lego al fatto che il contribuente viene usato per essere spremuto ed alimentare con i suoi soldi i giuochi di potere, il cittadino invece è quello manipolato dall’informazione, diventa cioè pedina del giogo di potere. L’ultimo errore non è un errore, quelli prima non so ;-)

  6. Cristian Says:

    E’ la solita storia degli amici degli amici degli amici degli amici…


  7. […] Lo ammetto: sono uno dei tanti fessi che credeva, e malgrado tutto crede ancora, sia pure faticosamente, alla “superiorità morale della sinistra”. Ma i conciliaboli tra i dirigenti dei DS e il mondo non proprio immacolato degli affari, tra faccendieri vari e furbetti del quartierino,  mette una gran tristezza. Così come mette tristezza il legame a filo doppio di tanti politici di centrosinistra con le banche, una su tutte la Goldman Sachs, per la quale hanno prestato la loro opera come consulenti (ben strapagati) gente come il premier RomanoProdi, i ministri Monti e Padoa Schioppa, e perfino il governatore di Bankitalia, Mario Draghi. La stessa Goldman Sachs accusata di aver frodato lo Stato italiano per 600 miloni di euro. […]

  8. aghost Says:

    L’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta è entrato a far parte dell’Advisory Board internazionale di Goldman Sachs. Alè.

  9. matteo Says:

    queste notizie inviatele anche alla agenzia emmegipress. Loro le pubblicano!

  10. enrico de cristofaro Says:

    Sono fatti molto preoccupanti. Tra le altre cose, rischiamo che l’Italia venga colonizzata. I mass media più importanti dovrebero denunciare questi fatti e la magistratura dovrebbe intervenire. Ma evidentemente gli interessi di piccoli gruppi sono più forti dell’interesse generale del Paese.
    Erry

  11. pia dimaggio Says:

    quando dico queste cose in ufficio lavoro in ufficio postale che emette obbligazioni della succitata Goldman mi dicono di stare zitta che non son pagata per pensare altrimenti mi trasferiscono nella barbagia sul Gennargentu ! che schifo fate qualcosa tutti se non ci svegliamo siamo morti…….ciao Pia

  12. io Says:

    CERTO GOLDMAN SACHS e la altre grosse bache d’affari sono pure quelle che si sono comprate praticamente tutta l’italia (chi pensate abbia COMPERATO LA TELECO LE AUTOSTRADE L’ENEL LE POSTE LE FERROVIE.E ADESSO L’ALITLIA?) insieme alla banca centrale bankitalia s.p.a.) durante il governo prodi(ex consulente goldman sachs) nel 1991 con la privatizzazione truffa dell’i.r.i. informatevi è molto interessante e cosa dire del signoraggio?…e ancora ieri ho visto prodi su ballarò parlare del debito pubblico come di qualcosa di ineluttabile..che ipocrisia!! sono tutti dei massoni pidduisti….CERCA SUL WEB..”signoraggio” “riserva frazionaria” tanto per cominciare

  13. Domenico Says:

    LA STANGATA, poesia satirica che ben si adatta alla truffa messa in atto da emeriti imbroglioni ai danni di poveri ed indifesi risparmiatori che si vedono ridotti i loro risparmi di una vita a carta straccia!
    Che schifo!

  14. Eskisehir Says:

    Turkiyenin en nadide sehri eskisehir hakkinda en zengin bilgiler ve eskisehir rehberi.


  15. leggere per sapere, leggere per capire, Goldman saks….


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: