“Velvet”, la fuffa con l’editoria intorno

luglio 21, 2007

In edicola mi hanno appioppato “Velvet“, un nuovo (mi dicono) inserto di “La Repubblica” che non conoscevo. Conoscevo “Il Venerdì“, appena passabile, e l’indecente mattone “D“, quasi 500 pagine in cui l’unica cosa che si salva è l’ultima pagina, quella con la rubrichina del filosofo Umberto Galimberti. Tutto il resto è noia, come cantava Califano.

Velvet, come dicevo, è una rivistona di 225 pagine “dedicata la lusso”, ovvero pura fuffa al 100%, sbobba editoriale riciclata e messa insieme col copia e incolla con l’unico scopo di mettere insieme 200 e rotte pagine di pubblicità. I servizi a me sembrano, ed è ovviamente una mia opinione personale, uno più cretino e inutile dell’altro.

Mi sono sempre chiesto chi legge questi mattoni, da “D” a “Velvet”, Ma se li fanno, una qualche ragione ci sarà. Solo che mi sfugge quale. Se i mattoni non li legge nessuno o quasi, come penso, perché gli inserzionisti comprano un sacco di pagine? Evidentemente avranno un tornaconto.

Di una cosa tuttavia sono abbastanza sicuro: se si pensa di tenere a galla l’editoria con gli inserti di questo tipo, la sorte è segnata. I giornali (e gli inserti) non sono più fatti per l’interesse dei lettori ma per quello degli inserzionisti. Beata internet.

Annunci

6 Responses to ““Velvet”, la fuffa con l’editoria intorno”

  1. Stella Says:

    Non si tiene in piedi soltanto l’editoria, ma anche il commercio. Se una maglietta “firmata” la paghi 200 euro anzichè 40, che sarebbero più che sufficienti, lo si deve al fatto che è stata, appunto, inserita tra i prodotti reclamizzati su questi bellissimi, istruttivi, aggiornati, fogli di carta tenuti insieme (non saprei come altro definirli). Conosco persone (principalmente donne) che li comprano, li sfogliano con interesse, li commentano pure….

  2. aghost Says:

    ma velvet o “D” mica li compri, te li affibbiano con “La Repubblica”. Se questi mattoni fossero in vendita per conto loro, non so quanto venderebbero…

    I giornali per qualche tempo hanno pensato bene di puntare sui gadget, sulla crema abbronzante, sul dvd o la collana di perline “in regalo”. Ma non capisco cosa c’entri l’editoria con tutto questo. E infatti i giornali in italia vanno male, vendono poco e hanno una credibità scarsa. Se non fosse per il finanziamento pubblico, la gran parte dovrebbe chiudere.

  3. frap1964 Says:

    Beata internet… insomma.
    Ah… non so se hai letto questo:
    http://punto-informatico.it/p.aspx?i=2041671
    Vuoi vedere che, prima o poi, ci sarà la versione del sistema operativo con advertisement (più economica) e quella senza (più cara) ?

  4. Alessio Says:

    è possibile che alcuni editori abbiano interessi economici anche nei campi pubblicizzati da quegli inserti, e quindi si fanno praticamente pubblicità quasi gratis da soli, tanto a tenere in piedi il giornale ci pensa il finanziamento pubblico?

  5. Stella Says:

    Ma scusate, le aziende reclamizzano i loro prodotti su queste riviste, pagando, ovviamente. Le riviste che nessuno comprerebbe vengono quindi regalate ai lettori di altri giornali. Chi ci guadagna? Alla fine TUTTI. L’acquirente riceve in regalo una rivista, gradita o no, comunque in regalo, perciò l’accetta. Il giornale spera di vendere qualche copia in più grazie al regalo che rifila al suo cliente. La rivista si fa pagare profumatamente delle aziende che, grazie a lei, hanno reclamizzato i prodotti i quali possono essere venduti a prezzi maggiori dato che, grazie alla pubblicità, sono divenuti prestigiosi, di lusso, “di marca”. Dell’editoria più o meno valida, alla fine, chi se ne frega? Che conta, è oramai risaputo, sono solo i cari, vecchi, SOLDONI!

  6. hronir Says:

    Su “D” mi pare scriva anche Sylvie Coyaud
    http://ocasapiens.blog.dweb.repubblica.it/
    salviamo anche lei? :)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: