Bir-manìa

settembre 28, 2007

Chissà perché improvvisamente il mondo scopre la Birmania. Paese di cui fino a ieri quasi si ignorava l’esistenza e che la maggioranza di noi, su una cartina muta, avrebbe grossi problemi a indentificare con certezza. Improvvisamente si scopre la feroce dittatura di Than Shwe, mai sentito prima.

Quando scattano questi meccanismi mediatici mondiali, perfino con la ridicolaggine di indossare la maglietta rossa, mi chiedo se non ci sia qualcos’altro sotto.

Powered by ScribeFire.

Annunci

19 Responses to “Bir-manìa”

  1. Uyulala Says:

    :-) mi sento molto ridicola…

  2. Uyulala Says:

    Ah, che faccio? Te lo inserisco il link al post o è meglio di no?

  3. aghost Says:

    ti sei messa la maglietta :D

    uyulala sei di libera di linkare quel che ti pare :)


  4. […] Aghost: Bir-manìa (è leggermente critico, ma mi va bene lo stesso, è un modo per parlarne…) […]


  5. la gente scopre la Birmania grazie a questi effetti mediatici. e credo sia normale che avvenga così. Ho un sacco di problemi da risolvere ogni mattina quando mi sveglio e sinceramente non posso pensare a tutti i casini che avvengono nel mondo. Non risolverò certamente il loro problema ma stamani mi son sentito di mettermi una polo rossa. Invece spero che le diplomazie intervengano anche se non avere aiuto dalla Cina e Russia…….

  6. Grizzly Says:

    Vale il fatto che l’uniforme aziendale *e’* *rossa*? ((((-:
    Di per se comunque ammiro i monaci (e non l’onu, soprattutto nel dopo Annan), ma l’indossare un capo di vestiario piuttosto che un altro mi sembra ben poco utile (per lo tsunami in indonesia almeno si propose un sms di beneficienza piuttosto che queste fesserie, salvo poi che quei 45 milioni e passa di euro non si sa che fine hanno fatto…) vista la situazione…

  7. aghost Says:

    si grizzly, la maglietta rossa poi… che stupidaggine…

  8. Grizzly Says:

    Sempre meglio di una camicia nera. (-:
    Putin e’ il primo della comunita’ internazionale in ONU che ha capito che inasprire le sanzioni graverebbe di piu’ sulla popolazione che sul governo. Vediamo se lo capiscono anche gli altri…

  9. Ferd Says:

    PREMESSA: questa volta sono in disaccordo con Aghost, per cui esprimo la mia opinione, ma la stima che nutro per lui è sempre la stessa (della serie: scambiamoci un’opinione, ma ogni parere e’ rispettabile) ;-)

    Aghost giustamente sottolinea:
    “Improvvisamente si scopre la feroce dittatura di Than Shwe, mai sentito prima”. E si hanno notizie delle conseguenze della sua ferocia. Di come si vive e di come si muore laggiu’.
    Alla popolazione birmana forse non fregherà nulla di questa iniziativa della maglietta rossa, che a loro non porterà miglioramento alcuno. Ma dobbiamo fregarcene?
    Sono d’accordo, una maglietta non pulisce la coscienza, ma il tuo post, ai più, potrebbe sembrare un pensiero Grillo-style, che lancia una critica, ma poi non offre ulteriori spunti di riflessione, ne’ propone.

    Dietro la maglietta rossa, invece, c’e’ piu’ di una proposta. Può non essere condivisa, ed e’ legittimo. Ma se qualcuno si sente ridicolo per una maglietta rossa, significa che quando ha pensato di indossarla non ha capito perche’ l’ha fatto.

  10. aghost Says:

    caro ferd, a me questo andazzo ondivago dell’informazione non piace. In Iraq la gente crepa come prima e più di prima ma non interessa più a nessuno: ora è di moda la Birmania, e le magliette rosse che lavano la coscienza :(((


  11. Io sono un precursore, saranno almeno una trentina d´anni che ho la BIER-MANIA


  12. […] occhio a non esagerare con le birre, altrimenti come dice aghost, si viene colti da […]

  13. lameduck Says:

    Sono pienamente d’accordo con te, Aghost, per queste ragioni: http://ilblogdilameduck.blogspot.com/2007/09/controcorrente.html.
    Non irrido chi indossa la maglietta ma faccio solo notare che mettersi la maglietta rossa e criticare il regime birmano è ok, politically correct, mentre se ci mettessimo una maglietta verde in solidarietà con la Palestina saremmo filoterroristi e antisemiti. N’est pa?
    Ciao?

  14. aghost Says:

    grazie lameduck, condivido il tuo post e rilevo con piacere che avevo sentito giustamente puzza di bruciato (o di marcio come dici tu) sull’improvvisa comparsa della birmania sui media del pianeta e quindi nostrani.

  15. Cristian Says:

    Aghost… sempre il solito burbero polemico.


  16. […] 37. Aghost: Bir-manìa (è leggermente critico, ma mi va bene lo stesso, è un modo per parlarne…) […]

  17. francesco Says:

    E’ veramente difficile rendersi conto di cosa sta realmente accadendo ora in Birmania.
    Certe “rivoluzioni democratiche” pilotate dalla CIA o dai cinesi ci hanno abituato a andare con i pedi di piombo rispetto alla versione ufficiale che appare nei media.


  18. […] 37. Aghost: Bir-manìa (è leggermente critico, ma mi va bene lo stesso, è un modo per parlarne…) […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: