Il circo mediatico

ottobre 1, 2007

Wafaa Hussein abbraccia il figlio morente Taher, 6 anni. L’autobus sul quale viaggiavano, diretto da Baghdad a Bakuba, è stato colpito da un cecchino una bellissima domenica di settembre.

Nell’Iraq occupato dagli americani si continua a morire, ma al circo mediatico non interessa. Anche le notizie sono merce: l’Iraq ha stufato, la Birmania dei monaci contro i soldati “tira” molto di più.

Powered by ScribeFire.

Annunci

One Response to “Il circo mediatico”

  1. arwenh Says:

    concordo. a parte che del Darfur ne hanno parlato pochissimo, ma si vede che proprio non “tirava” eppure anche li ce ne sarebbe da dire…
    Per non parlare del fronte libanese… dove tra l’altro ci sono gli italiani..

    Boh ai giornali fa piu’ notizia il festival canino o il delitto passionale di turno piuttosto che la geopolitica. Ma questo e’ dovuto a dei direttori incompetenti…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: