Colpito dal “taser” muore all’aeroporto

novembre 15, 2007

Un video girato col cellulare all’aeroporto di Vancouver mostra la tragica morte di Robert Dziekanski colpito da una scarica elettrica sparata col “taser, la pistola elettrica dei poliziotti.

(video impressionante!)

Annunci

13 Responses to “Colpito dal “taser” muore all’aeroporto”

  1. Cappuccetto Rotto Says:

    Dilettanti,…..ad Arezzo hanno sparato da un Autogrill all’altro oltre le corsie, riuscendo a far fuori un innocente.

    Cmq quando giungeranno anche in italia i “Tezerini” , sai che “tarantelle” ci faranno ballare ….. :-(

  2. stargazer Says:

    Come si fa ad estirpare la violenza se i primi ad usarla sconsideratamente sono i tutori dell’ordine?


  3. Ho visto ieri il video su “Repubblica”… mi ha letteralmente scioccato…

  4. Riccardo Says:

    ma perchè è sclerato il sig Robert Dziekanski?

  5. Medusa Says:

    Ecco perchè era sclerato:

    “La storia sembra essere una collezione di eventi sfortunati. Una decina di giorni fa, dopo 14 ore di volo dalla Polonia, Dziekanski si preparava a ricongiungersi con la madre, già emigrata in Canada. Non sono bastate, tuttavia, DIECI ORE DI FILA ALLA DOGANA per sbrigare le pratiche di ingresso.

    Robert si è infuriato sempre di più, anche perché NON GLI ERA PERMESSO IN ALCUN MODO DI COMUNICARE CON LA MADRE, che lo attendeva nel terminal. E, raccontano gli agenti intervenuti, si sarebbe opposto alla loro decisione di tentare di calmarlo. Dopo circa sei ore di attesa alla madre era stato comunicato che Robert non era all’aeroporto quando invece c’era.
    La donna aveva quindi fatto ritorno a casa, distante 5 ore di auto, solo per scoprire al suo arrivo un messaggio in segreteria che la informava che il figlio era stato trovato. Dziekanksi moriva poco dopo l’una di notte, colpito dalla scarica elettrica del taser, mentre la madre era di nuovo in viaggio per andare a prenderlo.”

    Medusa

  6. Stella Says:

    Assurdo, non si può dire altro…. Indossano una divisa e credono di essere padroni delle vite altrui….Spero soltanto che non tutti siano così…

  7. arwenh Says:

    mamma mia che storia agghiacciante….
    O_O

  8. aghost Says:

    io pensavo che il taser stordisse… invece quel povero disgraziato si dibatteva e urlava tra sofferenze atroci :(

  9. Liuk Says:

    Scrivevo proprio ieri sul mio blog “Proprio oggi si vedeva un “bel” servizio di una ripresa amatoriale di un uomo in Canada, colpito da un taser, cadere a terra e gridare in preda al dolore. Naturalmente tengono a precisare (al TG) prima che l’uomo più tardi morirà, così uno si può gustare per bene la scena.”
    La cosa ha colpito molto anche me, anche per come è stata spiattellata al telegiornale soltanto per fare ascolto e del giornalismo becero.
    Comunque dalle immagini a me sembra piuttosto evidente che l’uomo poteva essere bloccato senza la necessità del taser visto che in quel momento era abbastanza calmo, non aveva certo armi in mano e soprattutto c’erano 4 guardie!

  10. Stella Says:

    La pazzia dell’essere umano, la cattiveria, l’odio, la crudeltà….avranno fine un giorno? Impareremo ad amarci ed a rispettare la vita altrui?

  11. aghost Says:

    Amnesty International lamenta che dal 2001 siano morte 142 persone colpite dai taser, TASER International afferma che i taser non hanno mai causato decessi. I medici legali dichiarano che i taser sono stati una delle cause che hanno contribuito alla morte di 10 persone (le altre cause concorrenti sono state, ad esempio, l’assunzione di un grosso quantitativo di droga e l’eccessivo sforzo fatto per resistere all’arresto).


  12. […] Novembre 17, 2007 Alcune celebrità americane sperimentano il “taser“, la pistola elettrica in dotazione alle forze di polizia. C’è anche Janet Jackson! Di recente il taser ha causato la morte di un polacco all’aeroporto di Vancouver. […]


  13. I’ve flick through some posts on your site . And I love the best way you blog. I had your web site to my favorites weblog web site list and will also be coming again very soon. Please check out my web site additionally and inform me what you concentrate on it.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: