Riciclabili al 100%

novembre 19, 2007

Dunque dopo il “nuovo” Partito Democratico anche Berlusconi fonderà un nuovo partito, il “partito del popolo” addirittura.

Che il miliardario più ricco d’Italia possa fondare un partito del popolo sembra piuttosto grottesco, ma tant’è, ormai in Italia i partiti nascono, muoiono e sono riciclati a getto continuo. Peccato che i riciclatori siano sempre gli stessi. La politica italiana si riduce progressivamente ad una pura questione di marketing.

Quello che inquietà è l’idea che basti cambiare l’etichetta al partito per risolvere ogni problema. Ma forse hanno ragione loro, i politici: se Berlusconi è riuscito a fondare un partito in tre mesi, Forza Italia,  vincere le elezioni e andare al governo, forse è un problema di noi elettori. O no?

Annunci

5 Responses to “Riciclabili al 100%”

  1. frap1964 Says:

    Nella visione “europeista” di Silvio il nuovo partito dovrebbe essere (come già lo era FI) la versione italiana del Partito Popolare Europeo. Ma siccome il Partito Popolare Italiano è già esistito in due versioni distinte (vedi Wikipedia), ecco allora il “Partito del popolo”. Nuovo nome, stesse faccie. Ma così è più facile (o si pensa che lo sia) racimolare il voto nelle fascie di popolazione meno istruite/attente e/o che non leggono i giornali, ecc. ecc. Come dici tu, è una pura questione di marketing (sic!).

  2. aghost Says:

    non so, mi pare che i politici facciano una pericolosa sopravvalutazione della stupidità dell’elettore medio. Anche quello più bovino orami non ne può piu

  3. Liuk Says:

    Forse se avessero cambiato leader qualche elettore in più l’avrebbero guadagnato, ma del resto senza Berlusconi il centro destra è piuttosto insignificante. Alla fine facevano meglio a lasciare tutto com’era.

    Del resto, o si fa una farsa come quella del Partito Democratico, oppure niente ;)


  4. Hmmm…secondo me tu invece SOTTOVALUTI il bovino medio. Guarda che io li sento i discorsi della gente eh? Io ci credo a quei 7 milioni. Così come credo ai 3,5 milioni. Sono circa 10 milioni che…vabbè, lasciamo perdere…

  5. Ramone Says:

    Che la più importante azienda italiana produttrice di detersivi cambi nome, a me pare una felice intuizione di marketing che lascia intravedere tutto il dinamismo positivista della lesta risposta alla nuova linea di package effettuato recentissimamente dall’altra grande azienda nazionale, leader mondiale del settore della tagliatelle e delle lasagne surgelate.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: