Tv, il monopolio del duopolio

novembre 26, 2007

Non credo esista al mondo un programma simile a “Porta a Porta“, come non credo esista in altre televisioni un solo giornalista, come Bruno Vespa, che monopolizza l’informazione di approfondimento politico (e non solo), praticamente tutte le sere, sulla principale rete di Stato. Forse poteva accadere ai tempi di Breznev nella vecchia URSS, o di Ceaucescu in Romania ma, nelle moderne democrazie,  una cosa simile non credo sia accettabile. In Italia sì.

Dunque ho letto l’indagine sulla televisione pubblicata su Repubblica. Dalla quale risultano cose che grossomodo già si sapevano.

E cioè che la tv la vedono praticamente tutti, tutti i giorni. Quanto a credibilità però è superata da vecchie e nuove fonti: da Internet ma anche dai giornali e, soprattutto, dalla radio. La televisione (94%), i quotidiani (63%) e la radio (61%) rappresentano mezzi “tradizionali” utilizzati per informarsi. Quasi la totalità della popolazione apprende le notizie dallo schermo televisivo. Ma anche i nuovi media, come la tv digitale (29%) o Internet (39%) sono un’esperienza quotidiana per una parte considerevole di cittadini. L’indagine Demos-Coop fa osservare che alla radio (60%) va il primato della credibilità: seguita da Internet (36%) e dai quotidiani (38%), tutti ritenuti più affidabili della televisione (30%).

Mi sono quindi chiesto: ma Vespa funzionerebbe con un Porta a Porta radiofonico? Mio dio no, mi son detto. Chi ascolterebbe quella sbobba alla radio?  Dunque perché in televisione sì e in radio no? La risposta che mi sono dato è che in radio esiste molta più offerta rispetto alla tv, e quindi la gente preferisce, e soprattutto può, ascoltare altro. Ed è la ragione per la quale i partiti non mollano l’osso della Rai e Berlusconi non molla il suo, e del perché in Italia esiste nel settore televisivo il monopolio del duopolio, pressoché perfetto.

Piaccia o meno, la televisione è ancora il mass media che può determinare l’assetto politico del paese. Facendo leva sugli indecisi, sui non troppo informati, insomma su quella massa critica di persone, cioè quella minoranza che però condiziona la maggioranza, che è piu facile spingere in una direzione piuttosto che in un’altra.

Powered by ScribeFire.

Annunci

4 Responses to “Tv, il monopolio del duopolio”


  1. Hai centrato il punto. Porta a Porta è fatta per gli indecisi. Serve a distrarli al momento giusto con i vari casi di cronaca nera o con puntate tipo “pronti per la prova costume?” per poi riportarli “sul pezzo” al momento opportuno, nei modi e nei termini che più si confanno al governo in carica.

  2. lopippo Says:

    L’unica soluzione sarebbe educare attivamente le nostre famiglie alle alternative alla TV ?


  3. ti consiglio il video di vespa a tetris su la7

  4. newyorker Says:

    porta a porta, la peggior informazione televisiva, peggiore anche di Emilio Fede, e ce ne vole…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: