Terrificante intercettazione Berlusconi-Saccà

dicembre 20, 2007

L’Espresso pubblica l’audio di una intercettazione telefonica tra Silvio Berlusconi e Agostino Saccà, all’epoca direttore generale della Rai. E’ uno spaccato raccapricciante e deprimente allo stesso tempo di come funzionano le cose in Italia.

Un Berlusconi dalla voce stanchissima, “dilaniato da richieste da ogni parte”, parla di Bossi, della fiction “Barbarossa” pretesa dal Senatur, di due attricette che gli servono per conquistare la maggioranza in Senato (!).

Riporto alcuni brani della conversazione tra Saccà e il Cavaliere:

– Bossi mi fa una testa così con ‘sta fitcion di Barbarossa…
– Non capisco Urbani che fa lo stronzo
– Il regista Martinelli è uno stupido, un cretino
– Tu mi puoi ricevere due persone?…
– Chiama Elena Russo per favore…
– Evelina Manna mi serve per la maggioranza in Senato… il numero non ce l’ho, guarda su internet
– Presidente lei è l’uomo più corretto, più civile…
– Io qualche volta di donne ti chiedo…

L’audio dell’interecettazione

Powered by ScribeFire.

Annunci

25 Responses to “Terrificante intercettazione Berlusconi-Saccà”


  1. su internet ci sono pure i numeri delle veline? buono a sapersi :-)

  2. aghost Says:

    secondo berlusconi si :D

  3. frap1964 Says:

    Mi domando abbastanza seriamente se la libertà di stampa possa e debba arrivare al punto di rendere ascoltabile l’audio di una telefonata privata tra due persone.
    Questo indipendentemente dai contenuti e dagli interlocutori dello specifico caso: non mi sembra una questione proprio da poco.

  4. aghost Says:

    non sono due persone qualsiasi… sono quelli che ci “governano”: e non parlano dei fatti loro, ma cose che riguardano i governati, cioè tutti noi che paghiamo il canone obbligatorio

    Preferiresti che queste belle telefonatine non si conoscessero?

  5. frap1964 Says:

    Questa telefonata è tra gli atti di un’indagine in corso, ma il punto ovviamente non è questo.
    La questione non è sui contenuti della telefonata, la questione è l’ASCOLTO della telefonata.
    Ora prova a considerare l’ipotesi che tu stia parlando al telefono con una persona che è sotto indagine (ma tu però non lo sai) e che tu faccia dei commenti del tutto personali su questo o quello (come fanno qui, ad. es., parlando di Urbani). Un bel giorno, senza alcun plausibile motivo, ti trovi su Internet la tua telefonata privata. Come pensi reagiresti?
    Io non la liquiderei tanto facilmente la questione…

  6. aghost Says:

    guarda, in linea astratta potrei anche essere d’accordo, ci sarebbe da capire come l’espresso ha ottenuto la registrazione.

    Però non capisco questo voler spaccare il capello in quattro quando sono in ballo dei potenti. Di Azouz, per dire, hanno pubblicato le intercettazioni di telefonate privatissime, ma nessuno ha emesso un fiato. Come mai?


  7. Il punto è: noi ascoltiamo, leggiamo, guardiamo e non cambia niente. LORO – tutti loro – SONO SEMPRE LI!!!!


  8. Loro saranno sempre lì, ma piano piano qlcs penso che cambierà se noi tutti iniziamo a svegliarci…

    il fatto è riprovevole se si trattasse di due persone senza nulla da nascondere…(e alla fine penso che se ne freghino dato che +o- sono sempre gli stessi). siccome sono indagati secondo me è utile ai fini investigativi intercettare le telefonate…

    il discorso poi può spostarsi sulla violazione del limite investigativo, cioè se poi le intercettazioni vengono usate con altri scopi… allora lì vi do ragione…


  9. Mi sembra una conversazione tra amici, da quello che si può evincere

  10. Paolo Says:

    La cosa più terrificante è che… tutti commentano l’opportunità della pubblicazione delle intercettazioni… ma pochi il contenuto di una telefonata che avviene, è bene ricordarlo, tra un dirigente della RAI e il proprietario di MEDIASET (in teoria… l’azienda concorrente…).
    Paolo

  11. mastro Says:

    si può discutere in separata sede sulla legittimità o meno del rendere pubblica questa conversazione

    sta di fatto che il suo contenuto è la riprova di come funzionano le cose al governo e di come agisce berlusconi

    Berlusconi ha detto che sta trattando con qualcuno al senato per avere la maggioranza.. e che gli è stato richiesto di far dare una parte a questa donna di cui parlano…

    e questo è il modo di avere la maggioranza?
    questa è corruzione signori… è mafia allo stato puro

    riguardo la legittimità.. se sei indagato e per di più sei un personaggio di quel calibro e pubblico è giusto che le tue telefonate se hanno contenuto di questo genere diventino di dominio pubblico..
    la gente deve sapere chi li governa!
    (e ricordatevi che anche il presidente della rai è pagato dalle nostre tasse)

  12. Liuk Says:

    Se è vero che chi pubblica le intercettazioni non lo debba fare senza freno è pur vero che quyello che viene pubblicato è di interesse comune.
    E se è vero che i primi devono assumersi le responsabilità per quello che pubblicano, anche i secondi lo devono fare su quello che dicono.
    Certo un’intercettamento “selvaggio” non è una buona cosa, ma del resto se uno non ha nulla da nascondere!

    Comunque com’è e come non è, dalle intercettazioni esce fuori sempre il bel marcio di questo paese.

    Poi non capisco il biscione.. dice che per stare in rai o si è comunisti o prostitute… ma chissà come mai lui i contatti con la rai ce li ha comunque!

    Che schifo!


  13. Indipendentemente da chi ci sia di mezzo (Berlusconi, il mafioso di turno, Moggi o altro), l´intercettazione telefonica mi sembra un mezzo odioso per condurre indagini. Andrebbe usato il meno possibile e in nessun caso reso pubblico in forma audio.
    E adesso che ci sono i videofonini che fanno? useranno il linguaggio dei sordomuti?


  14. Ha ragione Paolo: l’Italia è un paese bizzarro, si bada molto alla forma e poco alla sostanza. Guarda il caso Forleo/De Magistris. Mica ci si indigna per i politici mafiosi…nooo, perché si parla troppo in tivvù! Per l’opportunità o meno di usare le intercettazioni. Hai visto mai che ledi la privacy! Scherzi? Andiamo! In un paese serio, per molto meno questa gente sarebbe stata mandata via ed interdetta per sempre dai pubblici uffici. Da noi, come dice Brigida, si parla, si parla, si parla…ma sono sempre tutti lì da 30 anni. Vedi Mastella, De Mita, De Michelis…Cirino Pomicino!!! La cosa grave è che ce li abbiamo messi noi e non c’è verso di far ragionare la gente. Ancora c’è chi paga 1 euro per votare alle primarie-farsa. 3 milioni e mezzo di euro al PD. Che si vuole di più dalla vita? Non mi dite ‘un lucano’ perché l’amaro già ce lo danno tutti i giorni!

  15. aghost Says:

    Il Corriere pubblica un’altra intervista in audio ancora tra Berlusconi e Sacca. Il Cavaliere definisce gli alleati “straccioni” e chiede ancora di sistemare Elena Russo… promettendo di ricambiare quando Saccà sarà libero imprenditore…

    http://www.corriere.it/politica/07_dicembre_20/berlusconi_sacca_seconda_conversazione_4bf0f9ea-af15-11dc-8fe5-0003ba99c53b.shtml

  16. arwenh Says:

    posso dire una cosa… ma chi se ne frega!!!
    c’è da scandalizzarsi per una cazzo di fiction?? mi sembra l’ennesimo tentativo di distogliere l’interesse dai problemi reali del paese per ridirigerli sulla persona piu’ odiata da tutti.

    chissenefrega! abbiamo operai che muoiono in incendi sul lavoro perche’ mancano gli estintori, scioperi dei tir che paralizzano l’italia, l’alitalia in svendita, banche che si rimescolano, le tasse piu’ alte del mondo, l’economia in crisi… e perdiamo tempo su una fiction che vuole bossi con due tra le 10000 troie che vanno a darla in giro per apparire in televisione?????????? ma chi se ne frega!!!!

    pensiamo ai problemi seri e gravi….

  17. Luigi Says:

    Come posso mettere in rete un mio video costrito sulla telefonata tra Berlusconi e Sacca?

  18. aghost Says:

    luigi, mettilo su youtube.com o su googlevideo.it

  19. mastro Says:

    @arwenh
    premetto: in nessun modo ti voglio offendere
    non credo tu abbia ben capito il contenuto della telefonata
    Berlusconi dice che “sta lavorando per ottenere la maggioranza al senato”
    e che per ottenerla gli serve che quella velina faccia qualcosa con la rai…

    se ci pensi un attimo capisci che si parla di
    1) corruzione
    2) il modo con cui quei maiali decidono le sorti del nostro paese
    3) tecniche tipiche delle mafie

    sostengo da tempo che la mafia è al governo


  20. “Barbarossa non puo’ essere strumentalizzato in senso antistorico da Bossi, la cui famiglia è tra l’altro di origine egiziana.”
    La principessa Yasmin von Hohenstaufen, pronipote di Federico II ed Isabella d’inghilterra chiede che venga sequestrato il progetto della fiction Rai su Barbarossa,(o in alternativa venga realizzato con la partecipazione di storicie filosofi obiettivi) in quanto dalle notizie emerse trattasi di strumentalizzazione storica da parte di un partito politico , manipolazione che attraverso forzature ideologiche, a discapito della verita’ storica e del valore delle scelte in contesto assolutamente diverso, vengono decontestualizzate per strumentalizzazione di parte, con l’aggravante di pressioni da parte del presidente Berlusconi sulla Rai he utilizza fondi pubblici. Trattasi di strategia antipedagogica , in quanto falsata da bieca ed arrogante precettazione leghista che disonora l’origine merolitinga celtica della Sacra progenie graalica Hohenstaufen, la cui origine da Re Desiderio , sabota la mistificazione leghista, poiche ‘lo stesso nome Longobardia ossia Lombardia fu coniato dai Re longobardi antenati del Barbarossa e lo stesso stemma di Milano era il serpente azzurro di Re Desiderio, adottato poi dal suo gastaldo Visconti.”Non si tratta di tifare per il nord o sud del mondo, la Sacra Progenie Hohenstaufen e’ il cuore e la fontana del Graal ove tutte le Religioni traggono miele medicamentoso.”

    Vittoria Colonna
    http://www.hohenstaufen.org.uk
    http://www.federicostupormundi.it

  21. rassegna Says:

    GIÙ LE MANI DA BARBAROSSA

    CURZIO MALTESE

    La storia della mitica fìction Rai sul Barbarossa, commissionata da Umberto Bossi a Silvio Berlusconi che l’ha commissionata ad Agostino Saccà, ha varcato i confini del teatrino nazionale e rischia di provocare un incidente diplomatico. La principessa Yasmin von Hohenstaufen, pronipote di Federico II e Isa­bella d’Inghilterra, ha chiesto che la fìction venga ritira­ta o in alternativa «realizzata con la partecipazione di storici e filosofi obiettivi», per evitare la «strumentaliz­zazione antistorica» da parte della Lega, «con l’aggra­vante di pressioni dell’ex presidente del consiglio Berlusconi sulla Rai, che utilizza fondi pubblici». La civile e ap­passionata presa di posizione della principessa Hohen­staufen, che volentieri, nello spirito dell’Europa unita, scambieremmo con l’allegra brigata dei nostri reali, me­rita una risposta coraggiosa. Quindi lasciamo perdere Saccà e Berlusconi e ci appelliamo alla Lega. Bossi, Maroni o Calderoli in passato hanno saputo riconoscere i propri errori. Da loro ci aspettiamo che definiscano la fiction sul Barbarossa per quello che è. Una «porcata».

    Repubblica 4-01-2008


  22. Se fosse vero, a Berlusconi offriremmo tutta la nostra solidarieta’.Ma sara’ vero? La migliore spia e’ la logica!

    Un modo per risalire le quotazioni?Certo erano proprio in ribasso in questi giorni…Come far risalire l’audiençe?

    Ma non fateci ridere:secondo le ultime notizie, Berlusconi sarebbe stato minacciato da movimenti islamici. Ci sorge il sospetto che qualche Manager della persuasione occulta, abbia attuato una fuoriuscita per far dimenticare le figuracce degli ultimi giorni. Come si poteva difendere il Cavaliere?Facendo la vittima !L’esame linguistico delle minacce fa emergere uno stile criminoso casereccio, da cabaret di lustrini e caciaroni da operetta,anche nel particolare e’ troppo grossolano perche’ si fa ricorso al la parola porcata , usata da Curzio Malaparte, come matrice intenzionalmente semiologica di minaccia . Un fai da te’ da berlusclismam ?….Tutto questo e’ patetico, ridicolo!


  23. Forse l’oscenita’ e’ la banda di termiti che ha stretto gia’, in una morsa ,il Sud , per regalarlo alla mafia .E’ questo che emerge anche dal servizio di Peter Gomez sull’Espresso a pag.60 del 6/3/08.

    Ma e’ osceno anche pensare di vivere di rendita della spedizione dei mille che fu proprio come la caduta del muro di Berlino. Nessuno toglie il merito a coloro che hanno collaborato a rimuovere il muro, ma il rimedio e’ spesso peggiore dei mali.Si e’ aperto il mercato degli schiavi , la tratta delle donne e bambini dell’Est, la corruzione e depravazione morale l’imperversare della mafia internazionale.Il vero problema non e’ tanto la devolution , ma la scissione del sud dalla mafia, ndrangheta e camorra.Gli attuali sistemi politici e del voto , sono piu’ o meno omogenei e sottomettono la politica alla mafia .L’unica speranza e’ che coloro che provengono gia’ da un retroterra di leadership storica , possano ottenere un consenso , rompendo i giochi.L’ideale sarebbe una devolution di estrema sinistra (Bertinotti)con a capo FEDERICO II (princess Yasmin)ED IL BORBONE(prince Carlo) IN VERSIONE TREMILA. Il solo Borbone non avrebbe il quorum perche’ il Sud ama troppo la spiritualita’ universale di Federico II, per ottenere una felicita’ composta ed elegante.


  24. […] anche il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, intercettazioni che avevo a suo tempo definito “terrificanti”, non immaginando quelle che sono seguite, pubblicate da L’Espresso, che superano ogni […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: