Cambiare gestore, il salto nel buio

gennaio 5, 2008

La madre anziana di una mia amica si è fatta abbindolare per telefono ed è stata convinta a cambiare gestore: da Telecom Italia a Tele2.

Risultato: alla vigilia di Natale il telefono è diventato muto ed è muto a tutt’oggi 5 gennaio 2008. Perché sotto le feste gli operai non lavorano, hanno risposto a Tele2 quando la mia amica ha telefonato, inviperita, per protestare.

Sua madre è così rimasta isolata: e non ha il cellulare perché non lo sa usare. Grazie alla portabilità del numero fisso, sarà costretta ad imparare ad usare il telefonino: la mia amica ha douto correre in negozio e comprargliene uno.

Powered by ScribeFire.

Annunci

5 Responses to “Cambiare gestore, il salto nel buio”


  1. non bisogna firmare un contratto per cambiare gestore?

  2. aghost Says:

    antonio, l’attivazione la fai per telefono, poi il contratto ti arriva a casa.


  3. questo non lo sapevo. io sono passato a fastweb ed è venuta una persona a casa con il contratto.

  4. Pralina Says:

    Hai sempre un blog molto interessante, anche a mia madre avevano proposto di passare a Tele2 ma con l’inganno, dicendole che la Telecom sarebbe stata “abolita”… si è rivolta subito al sindacato per evitare che facessero i loro pasticci.

  5. Aleyakke Says:

    ricordate? “il telefono, la tua voce!”
    beh, a volte è spesso “il tuo silenzio”

    ma la legge antitrust fa qualcosa in questi casi di evidente truffa?

    Alex


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: