C’è qualcosa nell’aria…

gennaio 26, 2008

Dal tran tran sonnacchioso degli ultimi mesi l’Italia è passata in pochissimo tempo a passo di carica. Il paese è stato travolto dagli eventi: il “no” al Papa alla Sapienza, la crisi della monnezza a Napoli, la chiusura del megaportale italia.it, la condanna a 5 anni di Cuffaro, le dimissioni di Mastella, la caduta del governo. Questa accelerazione non può essere un caso, c’è qualcosa nell’aria.

Come la frana che parte piano, quasi impecettibile, e poi crolla improvvisamente con un boato. Una frana che forse è partita da più lontano: dal fenomeno Grillo che terrorizza i partiti. L’unica cosa “fresca” respirata nel nauseante stagno della politica italiana.  

Avevo detto che non avrei votato
alle prossime elezioni: ma forse ci ho ripensato. Non votare, cioè buttare via il voto, non cambia le cose ma le lascia esattamente come sono. L’unica cosa che preoccupa i partiti, questi partiti, è perdere voti in favore di qualcun altro. Se aumenta l’astensione ma le percentuali rimangono simili, non cambia nulla. I partiti se ne fregano dell’astensione, gli interessa solo non perdere voti rispetto agli altri.

Così ho ripensato, pur tra mille dubbi, alle liste civiche di Grillo: se tutto dovesse filare liscio, non è irrealistico pensare che possano ottenere tra il 10 e il 15% dei voti, forse anche di più. Non è tanto ma neanche poco: può essere la zeppa che inceppa questo sistema malsano. Almeno si prova qualcosa di nuovo. In fondo, mi son detto, peggio di così non può andare.

Powered by ScribeFire.

Annunci

8 Responses to “C’è qualcosa nell’aria…”

  1. naimaxx Says:

    “Se aumenta l’astensione ma le percentuali rimangono simili, non cambia nulla.”

    Io penso che l’aumento dell’astensione non sia equamente distribuito: l’elettore deluso che decide di allontarsi dalla politica credo sia prevalentemente di sinistra, appartiene al “target elettorale” a cui dovrebbero rivolgersi anche le liste di Grillo.

  2. hronir Says:

    Il che vuol dire che sia l’astensionismo sia il disperdersi dei voti verso le liste di grillo saranno (solo) una bella notizia per il signor B.
    :(


  3. lo sapevo che ci ripensavi. ma poi bisogna sempre scherarsi, perchè qualcuno deve pur governare.

  4. aghost Says:

    quello che è intollerabile è gettare via quel poco di potere (sic) che si ha con il voto. Prima che si prendano anche quello…


  5. è probabile che le liste civiche non raggiungano neanche il limite minimo per accedere al riparto dei voti.

    Se si vota con l’attuale legge ovviamente

  6. MFP Says:

    @aghost
    Pure io spero che si costituisca una lista nazionale con il bollino di certificazione grillo. L’ultima volta ho votato i partiti che non avevano pregiudicati in lista… figurati che criterio di scelta farlocco puo’ essere… ma meno peggio di mettere la fetta di prosciutto, ma meglio di non andare. Cioe’, per lo meno cerco di pensarla in positivo; se no niente smuoverebbe il mio culo per recarmi a votare.

    @naimaxx
    E’ impossibile che nessun elettore di destra si sia reso conto delle smerdate berlusconiane e dei compromessi che deve accettare anche se vota fini, casini etc. Pensa soltanto… che ne so… ai leghisti di Vicenza…

    @sbronzo
    Tanto se voti PD o FI… ci hai guadagnato qualcosa? Almeno proviamoci a far arrivare le liste civiche alla soglia di sbarramento… e poi secondo me non e’ così difficile per le liste civiche arrivare a un risultato… certo, mi dirai che e’ vagamente inquietante pensare al fatto che un comico potra’ essere ricordato nella storia come garibaldi… pero’ ue’, ricorda che abbiamo gia’ un cabarettista di nave da crociera ben 2 volte (3!!!) presidente del consiglio. Insomma, alle barzellette di berlusconi (ie: mera copia di ingegno altrui), potremmo aggiungere della creatività (il genio di grillo e’ innegable; quantomeno nello scegliersi gli autori… ma ti assicuro che Grillo e’ così; e’ folle inside!). Insomma, fino ad ora negli annali abbiamo soltanto un comico arrangiato… adesso potremmo per lo meno metterci un professionista… e’ gia’ un passo in avanti :)

  7. aghost Says:

    facciamo un totogrillo: quanto possono prendere le sue liste civiche secondo voi? :)


  8. […] elezioni. Le liste civiche di Beppe Grillo otterrebbero il 7%. In un precedente post “C’è qualcosa nell’aria” avanzavo l’ipotesi che Grillo potesse prendere tra il 10 e il 15%, quindi ero […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: