Precariato che uccide

marzo 14, 2008

Ha scelto l’albero in un bosco vicino a casa, ha preso la corda ma prima la carta e la penna. Tre lettere. Ai genitori ha chiesto perdono. Alla moglie Barbara ha scritto: “In questo tipo di vita serve una forza che io non ho. Non lo dico per giustificarmi, ma perché tutti possiate perdonarmi. Ho valutato le conseguenze del mio gesto ma non ce la faccio, ho perso lavoro e dignità“.

L’ultima lettera, per i due figli piccoli, 6 e 7 anni: “Non mi giudicate e comportatevi bene, Trattate bene la mamma e conservare di me la parte buona che vi ho lasciato“.

Luigi Roca, 39 anni, è stato trovato impiccato, suicida dopo aver perso il posto nel gruppo Thyssen.

Advertisements

One Response to “Precariato che uccide”

  1. arwenh Says:

    dopo quello che e’ successo e sapendo in che condizioni lavorava quella gente, dico solo che a impiccarsi dovrebbe essere qualcun altro…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: