Incidente nucleare, tutti zitti….

giugno 4, 2008

Alle ore 17.38 ora italiana il sistema d’allerta dell’Ecurie (European Community Urgent Radiological Information Exchange) ha ricevuto un’informativa dalla Slovenia su un incidente alla centrale nucleare di Krsko, 130 km in linea d’aria da Trieste. La comunicazione è stata trasmessa a tutti i 27 Stati membri dell’Unione.

Le prime notizie sembrano relativamente rassicuranti: pare non via sia stata una fuoriuscita di sostanze radioattive dalla centrale. Sono state attivate le procedure di spegnimento del reattore, dopodiché sarà possibile, secondo un portavoce della Nek, la società che gestisce la centrale, verificare le cause dell’incidente.

Quello che non è rassicurante è il silenzio informativo delle tv:
praticamente su tutte le principali testate sul web la notizia campeggiava giustamente in prima pagina, ma in tv niente, niente alla lettera. Nessun programma è stato interrotto, nessuno ha pensato di aprire una finestra informativa. Neppure Emilio Fede che, quando non fa il propagandista, come giornalista sa il fatto suo e di solito su avvenimenti del genere ci si butta a pesce, bruciando spesso la concorrenza con ottime dirette. Eppure la notizia era ghiotta, ghiottissima, senonaltro in termini di ascolti. Ma in tv sono rimasti tutti zitti. Sarà forse perché il governo Berlusconi ha deciso di rilanciare il nucleare in grande stile, e questa notizia sarebbe stata una grandissima “seccatura”?

Del resto non è la prima volta che la centrale slovena di Krsko è al centro di polemiche per la sua pericolosità: già nel 2005 la parlamentare dei verdi Luana Zanella aveva presentato una interrogazione piuttosto inquietante. Le conseguenze in caso di fall-out radioattivo alla centrale di Krsko sarebbero drammatiche: la nube radioattiva potrebbe raggiungere Trieste in sole due ore e, complessivamente, sarebbero colpite circa 30 milioni di persone di cui circa 5 milioni a rischio di vita immediato (dati forniti dall’associazione “Amici della Terra”).

Peccato che queste cose il popolo bue le scopra sempre dopo…

Annunci

21 Responses to “Incidente nucleare, tutti zitti….”

  1. aghost Says:

    fantastico il titolo di Repubblica web in tarda serata:

    “”Fuga da una centrale slovena”
    allarme Ue, ma nessun rischio”

    :))) Ma se non c’è pericolo, perché l’allarme? :)))

  2. Warp9 Says:

    Effettivamente pensavo di trovare più eco alla cosa, neanche Google News riporta granché…

  3. marinfaliero Says:

    Anche tu….
    Hanno arrestato Wanna Marchi e la figlia, cosa vuoi che ce ne chiavi di un incidente nucleare.

  4. mfp Says:

    aghost, tranquillo… le nostre non arriveranno mai a funzionare. Al massimo ci ritroveremo isolati dal mondo come i nordcoreani (che sui confini del loro paese stanno con tanto di jammers radio e altoparlanti che diffondono musica, per evitare che qualcuno possa urlare qualcosa dall’altro lato del confine e fargli rendere conto che la vita non e’ propriamente così come gliela fa’ vivere il regime: allenamento in piazza tutte le mattine poi lavoro, in ferie si va a vedere l’albero sacro del dittatore e il mausoleo dell’ex-dittatore… e noi siamo fortunati… Berlusconi il mausoleo se l’e’ costruito in Sardegna! Magari ci lascieranno il tempo di fare un bagno prima di risalire sul pulmino!).

    marinfaliero, lol

  5. mauchi Says:

    Le nostre centrali nucleari saranno ecologiche perchè non produrranno scorie (neanche energia).
    In compenso forse costeranno di più di quelle della quinta generazione.

  6. Luca Rosso Says:

    Grazie della notizia. Le tue fonti? Ora su google news leggo qualcosa proveniente da interfree. Purtroppo per me non ho occasione di leggere carta stampata.

  7. AlphaKappa Says:

    discorsi circa la convenienza oggi del nucleare in italia a parte, per quanto ne possa capire io, il guasto non si è verificato nel reattore nucleare, ma all’esterno, nell’impianto di raffredamento (penso conosciate il principio di funzionamento di una centrale nucleare). sono due cose molto diverse, sarebbe come paragonare il motore di una macchina al climatizzatore. non vedo come il pericolo radioattivo possa venire collegato al raffreddamento del vapore.

    la centrale è stata spenta e non è stata allarmata nemmeno la protezione civile slovena. penso che l’allarme dato alla UE sia dovuto ai sistemi di sicurezza molto conservativi.

  8. AlphaKappa Says:

    EDIT: leggo meglio ora su repubblica, effettivamente il guasto non ha coinvolto il reattore, comunque la perdita si è verificata alll’interno del sistema in cui è alloggiato il reattore.

  9. http500 Says:

    meno male che il reattore è stato fermato prima.


  10. Tanto anche se ci fosse qualche pericolo finché possono evitare di dirlo lo faranno

  11. The Snatcher Says:

    Ha ragione AlphaKappa, l’incidente ha riguardato l’impianto di raffreddamento esterno, nel quale transita acqua ddebolmente radioattiva e quindi relativamente poco pericolosa. Niente di grave, dunque. Anche se inquieta il fatto che la televisione italiana, dal momento che il governo sta propagandando il nucleare, abbia taciuto l’episodio.

  12. marinfaliero Says:

    Reattore o termosifone o caldaia o rubinetto a me girano le balle, visto che ci abito a meno di 200 chilometri.

  13. arwen_h Says:

    marinfaliero, secondo me fa piu’ male la diossina e tutte le sostanze pesanti che hanno rinvenuto nel territorio campano (uno speciale di La7 andato in onda poco tempo fa), in quantita’ anche 100 volte superiori ai limiti, dove TUTTI si ammalano di tumore, e si vedevano le pecore che mangiavano l’erba contaminata che perdevano la lana a motti, e non si alzavano piu’ da terra, nere e ridotte a zerbini malconci
    visto che tutti i giorni compriamo la frutta e la verdura di quelle terre, mi preoccuperei molto di piu’ di quello che mangiamo.
    le centrali e’ vero non saranno mai 100% sicure come non lo e’ nulla, ma credo che con un po’ di buon senso e affidando le centrali ad aziende SERIE (non ammanicate o mafiose, cioe’ sempre le stesse che prendono appalti per ogni cosa statale e poi si sa come vanno…) secondo me su quello possiamo stare tranquilli.
    ripeto, c’e’ da preoccuparsi di piu’ per il cibo….

  14. marinfaliero Says:

    Non sono contro le centrali nucleari, sono un rischio calcolato che si può correre.
    Ma mi girano comunque le balle ad averne una dietro casa che va peggio di una Fiat Palio.
    Le nostre (se mai le faremo) dovranno soddisfare requisiti bizantini tipo la copertura verde a sensi legge Galasso oppure la distanza dalla faglia a sensi Legge Stacippadecazzo oppure la distanza media dai satelliti della Terra a sensi Legge Erbucioderculo.
    Ma in Slovenia, di un reattore del 1983 con protezione del nucleo in Eternit e guarnizioni di Tephlon, posso fidarmi?
    Per quanto ne so è incorsa in diversi piccoli incidenti ed è costruita (5,7 richter) per sopportare terremoti inferiori a quello del 1976 nel Friuli (6,4 richter).
    Evviva

  15. Don Lurio Says:

    Scusate, e veneti accetteranno una Centrale Nucleare nella loro Regione? E i “rivoluzionari” campani o toscani?….. per favore

    Comunque, aria-condizionata o motore, questi sloveni fan cagare come i russi con Chernobil…. Di radioattività si muore!

    Ciao!…

  16. atomino bip bip Says:

    Non possiamo permetterci che lo spauracchio nucleare freni un’altra volta lo sviluppo energetico dell’Italia, come già è successo con Chernobyl (oltretutto anche in questo caso si tratta di una centrale degli anni ’80).

    Al contrario, questo dimostra che è ipocrita acquistare all’estero energia prodotta proprio con il nucleare, assumendocene solo i rischi (se avviene un incidente in Slovenia o in Francia i problemi riguardano anche noi), ma senza alcun vantaggio (ingrassiamo le tasche degli altri, e paghiamo una bolletta energetica carissima, che pesa sulle famiglie e rende i nostri prodotti ancor meno competitivi).

  17. ernesto Says:

    forse sarebbe bene approfondire questo?:

    …perchè non se ne sa più nulla??

    Però l’esercito sembra interessarsene eccome…:


  18. La tivvù non la guardo perciò non lo so, ma in Rete ne hanno parlato abbondantemente di questo incidente. Cosa ho notato invece è l’assenza di notizie sui vari incidenti delle varie centrali nucleari sparse nel mondo che si sono susseguiti da Chernobyl ad oggi. Io ne ho contati circa una cinquantina. Alcuni incidenti nucleari (che non coinvolgono centrali) ce li abbiamo avuti anche in Italia (vedi la vicenda del sottomarino americano all’isola della Maddalena ad esempio). E in Francia (a due passi da noi) ci sono 59 centrali nucleari. Certo che i giornali hanno altro da fare, si capisce.

  19. Ale Says:

    Tutti i pro-nucleare sanno solo dire “le centrali sono vicine in Francia, facciamole anche da noi”.

    Cerchiamo di capire che in caso di incidente grave, un conto è averle a 200 Km e quindi Francia (rischi alla salute generici,anche seri ovviamente,con possibilità di prevenzione), e un conto a 25 KM e quindi sotto casa (morte certa ed immediata, impossibilità di decontaminazione).
    E questo l’ha detto anche il Capo dell’APAT ieri ad una intervista.
    La differenza esiste, eccome!
    L’Italia è troppo piccola e popolata per le centrali. E io per risparmiare 100 euro all’anno in bolletta dovrei convivere con qualcosa che da un momento all’altro potrebbe uccidermi? Scherziamo o cosa?
    Non è uno spauracchio, è semplice realtà.

    Senza contare che PER LEGGE (quindi sulla carta), chi abita vicino ad una centrale può assorbire quotidianamente una dose di radiazioni superiore agli altri. E in base alla LEGGE non fa male.

    Ragioniamo bene per favore.

  20. aghost Says:

    interessantissimo articolo-intervista a rifkin su repubblica. Secondo lui il nucleare è una pazzia, o per meglio dire una via ad altro rischio e che non risolverà affatto il problema energetico

    http://www.repubblica.it/2008/04/sezioni/ambiente/rifkin-idorgeno-italia/rifkin-energia/rifkin-energia.html

  21. snapshot83 Says:

    non si puo far notizia quando ora come ora in Italia si spinge a spada tratta sulla costruzione di centrali nucleari: leggi anche qui http://www.crimeblog.it/post/848/rifiuti-radioattivi-nelle-discariche


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: