Rifkin: salviamoci dalla follia nucleare

giugno 7, 2008

Non c’è abbastanza acqua nel mondo per gestire impianti nucleari. Temo che non sia noto a tutti che circa il 40% dell’acqua potabile francese serve a raffreddare i reattori. L’estate di cinque anni fa, quando molti anziani morirono per il caldo, uno dei danni collaterali che passarono sotto silenzio fu che scarseggiò l’acqua per raffreddare gli impianti. Come conseguenza fu ridotta l’erogazione di energia elettrica. E morirono ancora più anziani per mancanza di aria condizionata”.

[…]

Non sappiamo ancora come trasportare e stoccare le scorie. Gli Stati Uniti hanno straordinari scienziati e hanno investito 8 miliardi di dollari in 18 anni per stoccare i residui all’interno delle montagne Yucca dove avrebbero dovuto restare al sicuro per quasi 10 mila anni. Bene, hanno già cominciato a contaminare l’area nonostante i calcoli, i fondi e i super-ingegneri. Davvero l’Italia crede di poter far meglio di noi? L’esperienza di Napoli non autorizza troppo ottimismo. E questa volta i rifiuti sarebbero nucleari, con conseguenze inimmaginabili”.

Due brani dell’interessantissima intervista a Jeremy Rifkin su Repubblica.

Advertisements

4 Responses to “Rifkin: salviamoci dalla follia nucleare”

  1. Warfox Says:

    Rikfin chi? Quello del mondo ad idrogeno? Fico.. se non fosse che e’ un controsenso energetico dato che per produrre idrogeno butteresti energia primaria gia’ disponibile (elettricita o calore).

  2. mauchi Says:

    I reattori nucleari possono essere raffreddati solo con acqua potabile?
    Le centrati termoelettriche italiane a La Spezia, Genova, Brindisi, Civitavecchia, ecc. raffreddano con l’acqua del mare, sembra ce ne sia in abbondanza.

  3. aghost Says:

    questo dettaglio ha colpito anche me, forse l’acqua salata nn va bene?

  4. mfp Says:

    Anche io sono rimasto un po’ contraddetto… ma non ho tempo di approfondire. Ipotesi: l’acqua salata ha proprietà chimiche che la rendono inadatta. Altra ipotesi: l’acqua salata lascia depositi calcarei che obbligano a pulire le condotte… e credo – sempre ingenuamente – che il nucleo del reattore una volta avviato sia offlimits per l’uomo (tocca trovare un kamikaze che ogni tot anni si mette addosso un 50-70kg di piombo e va dentro al reattore a pulire i residui calcarei dell’acqua di mare!). Altra ipotesi: l’acqua salata aggiunge volume o derivati scomodi alle già scomode scorie. Boh…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: