In tv come alla radio

agosto 22, 2008

Il fenomeno è tristemente noto: il cronista televisivo ha spesso il brutto vizio di raccontare quello che accade in video, come se il telespettatore fosse cieco. Che si tratti di calcio, atletica, ciclismo o boxe, il risultato non cambia. Ci dobbiamo sorbire la chiacchiera a macchinetta del telecronista di turno, quando magari sarebbe molto più opportuno, e interessante, un po’ di silenzio per sentire l’audio ambiente.

Ultimo esempio, la boxe alle Olimpiadi: cosa c’è di più interessante, subito dopo i pugni sul ring? Ma è ovvio, quello che gli allenatori dicono ai pugili tra una ripresa e l’altra!

Iinvece no, alla fine della ripresa Mattioli e Benvenuti si mettono a ciacolare inutilmente e fare il riassunto del match, mentre noi tendiamo disperatamente l’orecchio per carpire le appassionate, e interessantissime, esortazioni di Francesco Damiani ai suoi pugili. Ma non c’è nulla da fare, il chiacchiericcio invadente dei due conduttori copre l’audio ambiente e non si capisce nulla. Ma che bisogno c’è che ci raccontino quello che abbiamo appena visto nelle immagini? Qualcuno gli spieghi che siamo in tv e non alla radio!

Annunci

5 Responses to “In tv come alla radio”

  1. arwen_h Says:

    parlano a sproposito… invece nella ginnastica ritmica (che viene mandata in onda a orari notturni indecenti) i due commentatori stanno zitti… quasi sicuramente perche’ non ne sanno una beata mazza di ginnastica. non dicono nulla se non “che bella questa collaborazione” mmm grazie rai, molto utile il tuo commento, persino mia nonna riesce a dire piu’ cose!
    i cronisti durante la ginnastica son cosi fuori che non si accorgono neanche delle rpese sbagliate.. O_O
    l’unica cosa che sanno fare e’ bullarsi di amedeo goria che intervista la coppia di atleti che sta insieme,e ci perde 1 ora a chiedergli se hanno progetti per il futuro (hanno 21 anni)


  2. Probabilmente nel milione di posti di lavoro promessi anni fa da Berlusconi erano compresi anche parecchi telecronisti. Devono essere minimo in due con un´inviato a bordo campo per essere sicuri che nessuno stia zitto neppure un attimo. Se ti capita di vedere le TV tedesche è tutta un´altra cosa, senti il rumore dello sport

  3. aghost Says:

    A me piace un sacco Francesco Damiani, l’ex pugile che ora fa l’allenatore della squadra italiana, ed è uno spettacolo vederlo all’angolo impartire le tattica ai suoi pugili!

    Peccato che non si capisca niente di quello che dice perchè ci chiacchierano sopra in 3 :(

  4. Kijio Says:

    Che i giornalai rai facessero ridere era noto da tempo, la cosa che mi sorprende e’ che c’e’ gente che ancora tiene l’audio alzato ed insiste ad ascoltarli.
    E’ come voler guardare un bellissimo tramonto con l’amata con lo sfondo una discarica a cielo aperto …. de gustibus …
    p.s.
    io per principio non ho guardato le olimpiadi .. ma mi e’ bastato sentire stamattina al bar il commmento durante una partita “olimpionica”:”e’ fallo nettissimo, ma il giocatore che l’ha fatto e’ stato corretto!” ma chi è che gli paga lo stipendio??? (alzo la mano!) :D

  5. Medusa Says:

    Se volete sapere chi REALMENTE ha vinto le olimpiadi vi propongo questo post sul blog di un mio amico, che ha fatto un insolito ma alquanto rivelativo lavoro di statistica:

    http://maxdibe.splinder.com/post/18158248/medaglie%2C+tabelle%2C+popolazione

    Altrochè Cina vincitrice…
    Medusa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: