100 milioni

ottobre 25, 2008

La probabilità di fare 6 al Super enalotto è circa 1 su 622 milioni. E’ una probabilità estremamente bassa paragonabile a quella di centrare un numero telefonico che si vuole chiamare facendo 9 cifre a caso sulla tastiera del cellulare. Nessuna persona sana di mente, volendo chiamare qualcuno, farebbe un numero a caso sperando di trovarlo. Eppure è proprio quello che facciamo quando giochiamo al Super enalotto”.
Piergiorgio Odifreddi

Io dico: se proprio bisogna tenere in piedi questa cosa indecente del gioco d’azzardo gestito dallo Stato, perché non suddividere almeno il montepremi in più vincitori? 100 milioni ad una sola persona è un’assurdità, si potrebbero fare piuttosto 100 premi da un milioni di euro ciascuno. Non ti cambierà la vita ma te la rallegra parecchio. O no?

Advertisements

11 Responses to “100 milioni”

  1. nelsoncocker Says:

    concordo su tutto
    stupidità
    gioco d’azzardo legalizzato
    monepremi


  2. quoto
    Ma lo stato biscazziere se ne fotte

    @nelsoncoker
    non so se ‘monepremi’ sia un refuso, ma in veneto rende parecchio

  3. Marco Says:

    Il “bello” del superenalotto sta proprio nella sua irragionevolezza. Un montepremi basso attirerebbe meno giocatori.

  4. picchiatello Says:

    Io sono perplesso sulla gestione del sistema….e sul fatto che non si conosce praticamente mai chi vince…

  5. Luca Rosso Says:

    Un montepremi basso aumenterebbe le giocate e la probabilità di vincere, contemporaneamente aumenterebbe il numero di chi perde e va in malora….

  6. Elfo Says:

    Oddifreddi, come in tante altre occasioni, si sbaglia.

    C’è qualcuno a Catania che potrebbe allegramente smentirlo.

    D’altronde, come un mio amico economista diceva, il Super Enalotto è da considerarsi un investimento ad altissimo rischio, ma ad altissimo rendimento. Di fatto, l’unico investimento che a fronte di un capitale irrisorio dà una rendita così alta oltretutto nel brevissimo termine, anche se è altissimo il rischio di perdere il 100% di tale capitale.

    Diciamo che a fronte delle probabilità altamente sfavorevoli, tra l’investire un euro e l’intero stipendio non ci sono molte differenze, per cui io non ci vedo niente di male se qualcuno si gioca un euro ogni tanto, senza rovinarsi nella ricerca dell’improbabile fortuna.

  7. frap1964 Says:

    Aghost, guarda che la suddivisione del montepremi SUPERENALOTTO funziona così:

    Il montepremi, costituito dal 38 per cento del fatturato netto, viene così ripartito:

    * ai 6 (non necessariamente uno solo) va il 20% del montepremi totale
    * ai 5+ va il 20% del montepremi totale
    * ai 5 va il 15% del montepremi
    * ai 4 va il 15% del montepremi
    * ai 3 va il 30% del montepremi

    In assenza di vincitori con punti 6 e/o con punti 5+ la quota parte viene riportata (jackpot) al concorso successivo.
    Con l’entrata in vigore del Decreto del Direttore Generale dell’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato del 4 giugno 2008 in assenza di vincitori con punti 5+:

    * il 50% del relativo montepremi si sommerà a quello destinato al 6 del concorso successivo
    * il restante 50% formerà una dotazione destinata all’incremento del montepremi del 6 per il concorso successivo al concorso in cui verrà assegnato il premio di prima categoria.

    http://www.sisal.it/se/se_main/1,4136,se_Faq,00.html#faq13

  8. Angelo Says:

    Se non metti sulla piazza tutti quei soldi giocherebbe molta meno gente; vedi per esempio il totocalcio!

  9. a.g. Says:

    comunque sia, continuo a ritenere che 100 milioni sia una premio demenziale

  10. TonyJay Says:

    Ma dite così perchè non avete vinto? :P (ovviamente è una battuta per stuzzicarvi)… hehehe

  11. mfp Says:

    Aghost, con queste cose e’ come con l’editoria… conta piu’ l’esclusivita’ che la qualita’ del gioco… 100 mezzi-ricchi sono dannosi… 1 milionario invece e’ utile… 100 artisti completamente indipendenti sono dannosi… 1 sola rete televisiva invece e’ utile… il trucco e’ sempre regolare la scarsita’/abbondanza in senso economico, la definizione di bene/male in senso morale, e la paura/sicurezza in senso sociale… se ragioni sempre su ciò che e’ meglio, non capisci perche’ le cose sono (e rimangono) così, e poi ti si sfotte che stai sempre a lamentarti :)

    p.s.: lo dico ovviamente in modo sarcastico… so che tu sai che loro sanno… ehm… ok… hai capito cosa intendevo no?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: