Sapessi com’è strano, 90 mila alberi a Milano

dicembre 30, 2008

abbado

Mi sembra bellissima la proposta di Claudio Abbado per tornare a dirigire alla Scala: 90 mila alberi da piantare a Milano. In un’epoca in cui tutti pensano ai soldi, al potere, e a sfruttare l’ambiente, c’è ancora qualcuno che pensa agli alberi. Scusate se è poco.

10 Responses to “Sapessi com’è strano, 90 mila alberi a Milano”

  1. nelsoncocker Says:

    clap clap e straclap

  2. Picchiatello Says:

    beh 90.000 alberi a milano potrebbero rovinare il paesaggio grigio con tutto quel verde.
    poi i milanesi non andrebbero piu’ ai monti trentini avendo gia’ il bosco sottocasa….
    poi dove troverebbero tutto quello spazio? ovrebbero iniziare a tirar giu’ il pirellone…


  3. sarebbe meglio fosse stato più preciso e avesse specificato che gli alberi non vanno solo piantati,ma anche accuditi

  4. Medusa Says:

    E’ una bellissima proposta ^_^
    Spero che possa aiutare a riflettere.
    Medusa

  5. Luca Rosso Says:

    Secondo me non vuole tornare a dirigere ed ha chiesto una cosa improbabile… :-D

    Scherzi a parte, AUGURI a TUTTI!!! Spero che l’anno nuovo porti qualche notizia in più come questa… :-D

  6. superbisco Says:

    No, infatti non è poco

  7. a.g. Says:

    anche a me è venuto il dubbio che fosse una boutade tanto per dire, chi volete che pianti 90 mila alberi, a milano poi?

    Be’ magari almeno servirà per riflettere un filo sulla progressiva devastazione ambientale. Io ora abito in montagna, ma ogni volta che scendo a trento la città mi sembra sempre più brutta… Tangenziali, rotatorie e capannoni crescono in continuazione, mangiandosi la poca campagna rimasta…

  8. picchiatello Says:

    Magari vorranno piantare le piante da cocco, o i bananeti o l’albero del pane…..

  9. arwen_h Says:

    l’ho sentita ieri a radio 24. mi pare una proposta OTTIMA

  10. riccardo valente Says:

    Mia moglie Renée Longarini ha scritto al Maestro Abbado la seguente lettera aperta:
    “Caro Maestro Abbado,

    apprendo dal Corriere della Sera, con vero piacere, dei progetti verdi che “Milano porta in dote a Claudio Abbado in cambio del suo ritorno a dirigere la Scala”. Vorrei sommessamente pregarLa di aggiungere ai Suoi 90.000 alberi da piantare, i venti (solo 20) alberi da salvare in Piazza Lavater, venti bellissimi grandi alberi in uno degli angoli più belli di Milano, minacciati dalla costruzione di un parcheggio sotterraneo molto osteggiato dai concittadini della mia zona – per di più contraddistinto da un iter molto discutibile, prima revocato e poi rimesso in lista da una revoca della revoca. L’anno scorso avevo scritto alla Signora Moratti che se fossero iniziati i lavori mi sarei vista costretta a restituire l’Ambrogino d’Oro conferitomi nel 1982. Non ho ricevuto alcuna risposta, ma forse a Lei, caro Maestro, la Signora Moratti darà retta.

    La ringrazio in anticipo e Le auguro buon lavoro, di nuovo alla Scala.

    Renée Longarini, 8 aprile 2009 “


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: