Giro di vite su tutto

maggio 19, 2009

L’articolo 60 del decreto sicurezza approvato alla Camera (e in attesa di approvazione definitiva al Senato) dice che se qualcuno, sulla rete internet, insomma da un sito qualunque, istiga alla delinquenza o alla disobbedienza alle leggi, il Ministero dell’Interno gli può tagliare il collegamento. Non solo: a dover intervenire all’istante (entro 24 ore) è il provider, pena una multa da 50 mila a 250 mila euro (!).

Insomma se rompi le palle, via il collegamento a internet. Questo articolo allucinante è stato infilato nel decreto che doveva servire, in teoria, a regolamentare l’ingresso di immigrati nel nostro paese. Ci è stato messo dentro di tutto, dal pugno di ferro contro i graffitari, con la reclusione fino a 1 anno e 3000 euro di multa, alla procedibilità automatica di ufficio per il reato di oltraggio a pubblico ufficiale, per il quale se si protesta in modo un po’ troppo energico col vigile che fa la multa, si rischiano fino a 3 anni di prigione.

Cosa c’entrino i graffitari, o i bloggers che magari istigano al non pagamento del canone Rai, con la sicurezza, lo sanno solo al Governo.

via Barbiere della Sera

9 Responses to “Giro di vite su tutto”

  1. Francesco Says:

    Concordo pienamente con la linea di questo governo. Pugno duro contro i graffittari, una vera piaga per la nostra povera Italia e fuori i blogger dalla rete, che, come e’ noto, sono quasi tutti comunisti. Non vedo perche’ censurare la rete, meglio togliere la connettivita’ direttamente a quei navigatori irrispettosi delle leggi e delle autorita’, noti per seminare sempre pessimismo e paura con la loro voce rauca, stonata e sempre fuori dal coro. In questo modo si potra’ traformare internet in un luogo meraviglioso, pieno di ottimismo, di buone notizie, un mezzo d’informazione che tranquillizza il cittadino, visto che oramai la crisi e’ passata e ci ha lasciati indenni!

    Povera Italia!

  2. a.g. Says:

    i graffitari producono certamente un danno economico, ma non mi pare che rappresentino un pericolo sociale. Riguardo ai blogger, porelli, contano come il due di picche


  3. E’ chiaro che chi vuole delinquere in rete non ha la possibilità di accedere via UMTS con scheda prepagata attivata con documento falso.

  4. arwenh Says:

    io mi tocco se ci sono…

  5. db Says:

    Ma l’articolo 60 non era stato soppresso?

  6. a.g. Says:

    dario ti risulta sia stato soppresso? dove lo hai letto? In ogni caso è gravissimo che ce l’avessero messo dentro…

  7. Dario B. Says:

    La mia era una domanda retorica ;)
    sapevo dell’abrogazione: http://nbtimes.it/?p=2436
    E risulta anche dal testo ufficiale: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/frame.jsp?tipodoc=Ddlpres&leg=16&id=418179

    Sul Barbiere della Sera scrivono “Bisogna leggersela bene la legge”. Appunto…
    Segnalerò loro la svista.

  8. Luca Rosso Says:

    Secondo me i graffitari dovrebbero avere via dura a sporcare i monumenti, però dovrebbero avere luoghi in cui esprimersi.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: