Pagare le notizie? Ah ah

maggio 27, 2009

https://i1.wp.com/static.blogo.it/finanzablog/lavinia.jpg

Anna Masera su La Stampa si chiede, o meglio chiede ai suoi lettori, se sarebbero disposti a pagare le notizie. L’interrogativo, peraltro ormai annoso, è stato rilanciato dal convegno annuale organizzato dall’Osservatorio Permanente Giovani Editori.

I responsabili dell’informazione italiani si sono dimostrati d’accordo. “L‘era delle news gratis è vicina al tramonto”, “L’informazione non a pagamento è insostenibile” hanno affermato Giancarlo Cerutti, presidente del Sole 24 Ore, e John Elkann che guida l’Editrice La Stampa. Dello stesso parere anche Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera. «Credo che pagare le news online sia la strada da percorrere», ha esordito Elkann. D’accordo Cerutti, ma il presidente del Sole 24 Ore è cauto. Difficile, spiega, che «si possa passare da tutto gratis a tutto a pagamento. Insomma, il passaggio dovrà essere graduale». Una possibile ricetta arriva da De Bortoli. Il direttore del quotidiano di via Solferino ipotizza una «sfida dei micropagamenti» che potrebbe «riuscire a dare all’utente un servizio personalizzato».

Se De Bortoli fosse un blogger, qualcuno gli darebbe retta? E quanti lettori avrebbe? Qualcuno darebbe retta a uno come John Elkann, che ha avuto l’unico merito, perlomeno finora, di nascere nella famiglia giusta? Ma siccome De Bertoli dirige il Corrierone, ed Elkann guida l’editrice La Stampa, c’è un sacco di gente che pende inutilmente dalle loro labbra. E così i giovani editori si dimostrano uguali a quelli vecchi, anzi peggiori. Perché non hanno ancora capito che ragionano su un mondo ormai in estinzione, dove i “media mainstream” come i loro non hanno futuro, campano solo perché sovvenzionati dai finanziamenti pubblici e perché organici in qualche modo allo status quo. Chi mai pagherebbe on line i loro giornali zeppi di “notizie” di cui non frega niente a nessuno? Non hanno capito che quella che loro considerano “informazione”, è in realtà una sbobba che nessuno è disposto più a ingurgitare, per di più a pagamento.

Ormai la gente si informa altrove, le fonti di informazione, ma soprattutto di commento alle notizie, si sono moltiplicate all’infinito, i vecchi giornali o si rifondano da zero o non hanno futuro. Come ha scritto Clay Shirky La società non ha bisogno dei giornali, ha bisogno di giornalismo“. Parole sante. Per quel che mi riguarda, non spenderei un centesimo per la Stampa o il Corriere a pagamento. Pago invece, e con piacere, per un giornale come quello di Massimo Fini, “Il Ribelle“, perché penso mi aiuti a capire qualcosa della realtà che mi circonda: questo mi serve, un giornale utile per me e non per chi confeziona veline governative.

La prova che in Italia non si è ancora capito ancora nulla dell’andazzo generale è che, mentre in tutto il mondo chiudono i giornali di carta e aprono quelli on line, da noi chiudono quelli on line, come Panorama (che paraltro faceva decisamente schifo).

5 Responses to “Pagare le notizie? Ah ah”

  1. Warp9 Says:

    Questi dicono che bisogna pagare le notizie, poi vai in rete e trovi questo: http://www.tomshw.it/news.php?newsid=18254

    Direi che può andar bene. ;-)

  2. Ignorante Says:

    Condivido tutto pienamente

  3. frap1964 Says:

    Pensa al dramma di governo, camera, senato, enti pubblici e locali nonchè blog di politici vari nel non poter più esporre liberamente le rispettive rassegne stampa quale strumento di auto-promozione per tizio, caio e sempronio. ;-))

  4. picchiatello Says:

    Nel nostro strano paese dove un giornale viene pagato gia’ due volte uno per gli aiuti pubblici all’editoria un’altra volta per il pagamento dell’abbomento o all’edicola ed ancora assistiamo a queste inutili manfrine su chi deve pagare a chi per l’informazione.
    Mi sovviene ancora Giovannino Guareschi con il suo don cammillo quando con una banconota falsa acquistava un giornale da Beppone: con un falsità ho acquistato una falsità e’ la regola putroppo oggi della canrta stampata dove o una notizia e’ troppo vecchia o troppo falsa perche’ ancora interessi alla gente.


  5. […] Panorama on line pare chiuda, ci si chiede quando toccherà all’Espresso. Nei giorni scorsi ha lanciato un sondaggio demenziale “A quale politico affideresti i tuoi figli?” (sull’onda della polemica della non felicissima battuta di Franceschini). […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: