Situazione grave ma non seria

aprile 1, 2008

La notizia di Repubblica del divieto dei telefonini nel seggio elettorale poteva sembrare un fiacco pesce d’aprile. Poi è uscita anche sul Corriere: si tratterebbe di un decreto legge approvato oggi dal Consiglio dei Ministri e illustrato dal ministro dell’interno, Giuliano Amato.

Come diceva Flaiano: la situazione è grave ma non seria. Saremo dunque tutti perquisiti all’ingresso del seggio? E se il mio telefonino non fa le foto? A che titolo il presidente di seggio può perquisirmi?

E poi non è grottesco che questo patetico provvedimento antibroglio venga da Amato, proprio lui che quando era premier ha scippato gli italiani col prelievo forzoso del 6×1000 da tutti i conti correnti? (1992). E’ il mondo alla rovescia: i truffatori stabiliscono le regole ai truffati.

Annunci

9 Responses to “Situazione grave ma non seria”


  1. no no è vera. però mi devono spiegare come fanno a costringere gli elettori e consegnare il cellulare.

  2. aghost Says:

    appunto, e non credo che il presidente di seggio possa imporre una perquisizione o sbaglio? ma poi che siamo in Cile?

  3. Medusa Says:

    Mi è già capitato due volte uno scambio di documenti quando sono andata a votare, mi hanno dato la carta d’identità di un’altro, e una seconda volta la patente.
    Figuriamoci se gli do il mio telefonino, col rischio che lo scambino con quello che vota prima di me -_-
    E poi per cosa?
    Medusa

  4. superbisco Says:

    Non mi pare però una cattiva idea, visto che i voti si vendono a tutte le elezioni.

    Da qualche parte occorrerà pure iniziare.

  5. Stefano Says:

    pare sia la risposta al problema dei voti venduti alla malavita, che controllava con i videotelefoni che i voti venissero realmente dati a chi di dovere!

  6. frap1964 Says:

    @aghost
    Il presidente di seggio probabilmente no, ma il militare di guardia al seggio, su richiesta, temo proprio di sì.
    Il punto è che se ti squilla il telefonino mentre voti, temo che siano tutti cavoli tuoi… (anche perchè hanno in mano un tuo documento, ma dove scappi?) ;-)

    Un po’ come se provassi a non riconsegnare la matita copiativa, tanto per capirsi.

    Che poi c’è sempre il “vecchio” buon metodo già raccontato 15 anni fa da Salvatores nel film Sud, quando “tutta questa tecnologia” ancora non c’era (ma il voto di preferenza invece sì).

    Poi ormai ci sono delle webcam standalone a batteria talmente piccole… anche giocattolo, della Disney.
    Ma alla penna che scannerizza ci avranno pensato? :D

  7. aghost Says:

    ma è assurdo: io posso entrare nel seggio col telefono silenziato, e chi se ne accorge? Certo se poi uno è talmente scemo da fare le foto alla scheda col flash…(come è poi effettivamente successo) :D

    In ogni caso, mi pare improbabile che il presidente del seggio ordini la perquisizione a tutti quelli che votano… si creerebbero ingorghi incredibili… Ma se non controlli tutti a che serve? Sono le solite trovate dell’imbecille di turno, con decreti demenziali e soprattutto inapplicabili

  8. aghost Says:

    incredibile, per chi entra col telefonino nel seggio è prevista un’ammenda da 300 a mille euro e l’arresto da tre a sei mesi!!!

    ma questi sono matti…

  9. Medusa Says:

    Hahaha è pazzesco!
    E lasciano in libertà vigilata gli assassini…
    Siamo veramente dei buffoni…
    Medusa


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: