Expo2015, chi ben comincia…

aprile 2, 2008

Si sperava che il disastro di Italia.it avesse insegnato qualcosa. Sembra di no. Il portale istituzionale dedicato all’Expo2015, l’evento che vanta 4 miliardi di euro di investimenti e un indotto di 20, comincia male.

A partire dall’indirizzo, come osserva Marco Camisani, con un improponibile http://www.milanoexpo-2015.com/ col trattino, nome di dominio che neppure l’ultimo dei webmastella che lavora in cantina proporrebbe più ai suoi clienti.

Si comincia male anche con la lingua italiana: quelli di Expo2015 non conoscono l’uso dell’accento. Va bene che sono milanesi e loro dicono “perchè” invece di “perché” (con l’accento grave invece di acuto), ma cribbio! L’accento sbagliato di “Perchè L’Italia” e “Perchè Milano” perfino in home page, fa cascare le braccia.

Annunci

20 Responses to “Expo2015, chi ben comincia…”


  1. […] è un’opinione? No, ma come sottolinea Aghost (qui e anche nei commenti di questo post), l’utilizzo degli accenti non è proprio da Accademia […]


  2. l’avrà progettato il ministro stanca :-)

  3. frap1964 Says:

    Dal “View source” delle pagine web si direbbe che gli autori dell’ambaradan siano questi:

    http://www.unicomitalia.org/agenzia-associata.php?i=596&r=Lombardia&a=AL%20VILLAGE

    A questo proposito leggerei anche il post del 17/12/2005
    Il Teatrino della politica qui:

    http://imperidellaluna.splinder.com/archive/2005-12

  4. frap1964 Says:

    In proposito a quanto si legge nel post del 17/12/2005
    Il Teatrino della politica qui:

    http://imperidellaluna.splinder.com/archive/2005-12

    il senatore Cortiana presentò appena tre giorni dopo interrogazione parlamentare al Senato

    http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=14&id=167754

    Sarebbe davvero interessante sapere chi sarebbe poi ‘sto Vittorio Dal Pozzo D’Annone e in che modo la Village Srl abbia ottenuto l’incarico del sito per l’Expo (debito di gratitudine?). ;-)

  5. aghost Says:

    frap finalmente hai trovato l’osso da rosicchiare! Vaiiii :DDD

  6. frap1964 Says:

    Ci sono due giornalisti, Ferruccio Sansa e Luigi Offreddu che hanno pubblicato il libro “Milano da morire”, sulle consulenze della Moratti.
    Sono in tribunale con citazione da 500.000 euro per danni (calunnia).

    Tu fai un post di una decina di righe (ripreso da Camisani) su un problema di accenti di una pagina web di un portale e pensi di poterla finire semplicemente qui, scaricando a me il resto dello “sporco lavoro”? :D:D

    E poi ti chiamano blogstar… ma per piacere!?! :D:D

  7. Fanky Says:

    In italiano perché con la e chiusa, in padano perchè con la e aperta.

    Ovvio.

    O no?

  8. frap1964 Says:

    Non ha insegnato niente neanche alla rete (vedi alla voce rItalia). Desolante anche leggere i commenti di MCC che vanta presunti contatti con sindaco e FieraMilano attraverso il socio.
    Fa cascare le braccia come e più dell’accento sul perché.

    http://blog.camisani.com/2008/04/facciamo-tutti-insieme-il-sito-dellexpo-2015.html#comments

  9. frap1964 Says:

    Dove si dimostra…

    http://alvillagework.com/

    ;-)

  10. frap1964 Says:

    Che poi se uno è proprio curioso curioso…
    lo chiede a Matteo G.P. Flora (aka LK)

    http://www.lastknight.com/

    che “A partire dal mese di Maggio [2005] ho lasciato definitivamente la carica di Direttore IT di AlVillage a Milano.”

    che forse qualche idea in proposito lui ce l’ha… :D

  11. frap1964 Says:

    Dal dossier candidatura…

    costs of developing and maintaining the websites (five sites): € 13 million;

    Based on this list, the total cost for operating technologies would be € 107 million, (equal to 12% of the budgeted operating costs).

    Viste le cifre in ballo, è chiaro che come minimo verrà fatta una gara europea, con i criteri ormai ben noti della PA su esperienze, fatturato pregresso, ecc. ecc.
    Che “la rete” si rassegni.


  12. Ogni tanto una cosa bella, e scusatemi per l’intrusione sul post dell’Expo.
    Pordenone, progressivamente, offre internet gratis a tutti i 50.000 cittadini.
    Il progetto si chiama ‘Wireless Naonis’
    http://marinfaliero.blogspot.com/2008/04/connettivita-gratuita-pordenone.html

  13. frap1964 Says:

    @marin faliero
    Gratis è morto in guerra: è un progetto i cui costi sono stimati essere 5.027.847,66 in 8 anni, di cui 1.050.000,00 solo per lo startup.
    Il che, visto il bacino d’utenza, non sarebbe nemmeno tanto (100 euro/cittadino in otto anni).
    Il problema sta nel verificare quale banda saranno poi in grado di garantire effettivamente ai cittadini e con quale livello di qualità del servizio: guardando a ciò che garantiscono oggi i maggiori ISP (le Telco) e a ben altri prezzi, c’è poco da essere ottimisti.


  14. @Frap1964

    copio e incollo dal link del mio post:

    “In base all’accordo, la Regione si assume il compito di realizzare tutta l’infrastruttura di rete wireless (Hot Spot e HiperLan) compreso il portale di autenticazione degli utenti tramite Carta Regionale dei Servizi per un costo complessivo di start up di circa euro 800 mila euro.
    Il Comune si occupa della realizzazione di un social network cittadino investendo 120 mila euro. Cura la fornitura di connettività internet gratuita ai cittadini, per il quale ha previsto una spesa di 210 mila euro ed assicura la manutenzione della infrastruttura wireless spendendo circa 40 mila euro. Il Comune in questa fase d’avvio investe complessivamente 370 mila euro.”

    Più o meno, credo, come la solita merdosa rotonda.

    Il protocollo per Tessera Sanitaria della Regione, una volta fatto, è come il diamante: per sempre.
    Se qualche altro comune si accoda al progetto trova tutto pronto


  15. @Frap1964 – fammi sognare per almeno un minuto, cazzo!

    per la banda che ti danno, io non capisco una mazza di dati tecnici.
    Questo lo trovi sul *.pdf

    Hiperlan, nel rispetto dello standard fissato dal Ministero delle Comunicazioni. In
    particolare, per quanto concerne l’Hiperlan opereranno nella banda tra 5,470-5,725
    GHz, con limite di potenza, fissato dalla normativa, a 1 Watt EIRP (30 dBm);

  16. frap1964 Says:

    Ma quale Pordenone: io ho già deciso.
    Mi trasferisco a Botricello (comune globale). :D

    In Calabria un “Comune globale” da un milione e 100mila euro
    http://www.repubblica.it/2006/a/rubriche/piccolaitalia/comune-globale/comune-globale.html

    Bando di gara “Botricello Comune Globale”
    http://www.comune.botricello.cz.it/?q=node/788

    Affidato il progetto “Botricello Comune Globale”
    http://www.comune.botricello.cz.it/?q=node/812

    Che poi Illy è già alle prese in Friuli Venezia Giulia con 440 milioni di derivati. Se il progetto l’han finanziato così… ho paura che molto presto bye bye alla connessione wi-fi. :D

    http://www.corteconti.it/Rassegna-S/aprile2008/03042008/001.pdf

    [awaiting moderation ;-)]


  17. […] il progetto di rifacimento di Italia.it. Di sicuro, se non per i cultori del web 2.0 almeno per gli amanti dell’ortografia, un primo passo per il sito di Expo 2015 sarebbe correggere gli errori ortografici che campeggiano […]

  18. aghost Says:

    hanno corretto gli accenti :)))

    Ma allora leggono i blog? ;)

  19. aghost Says:

    infatti frap :)
    però ‘sta pretesa dei blogger di fare loro il portale expo2015 mi pare un po’ grottesca… sarebbe come se noi bloggers pretendessimo dalla fiat di rifare la nuova punto :)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: