2012 effetti speciali

agosto 11, 2009

Per gli appassionati del genere catastrofico segnalo “2012“, il film che si annuncia come il top degli effetti speciali mai visti. Di solito i film che si basano troppo sugli effetti sono quasi sempre delle mezze boiate, ne ho visti parecchi del genere: da Titanic a Indipendece Day (una stronzata epica), da Jurassic Park a Godzilla. Begli effetti per carità, ma con storie assolutamente ridicole e scontate.

Sono persino riusciti a rovinare una pietra miliare della fantascienza, un film bellissimo come Alien, con dei sequel demenziali: quando in uno degli ultimi film si vedevano gli alieni uscire a frotte anche dalla tazza del cesso, il pubblico sbadigliava e fu chiaro che il genere era al capolinea. Con gli effetti speciali bisogna andarci cauti. Un’esplosione in un contesto sensato è spettacolare, ma 100 esplosioni di fila solo per movimentare la scena, per quanto ben fatte, annoiano.

Un film del genere catastrofico che ricordo di recente, e che mi era sembrato decoroso, è stato The Day After Tomorrow: non era così malaccio.
In passato ho trafficato con le animazioni e la computer grafica 3D e quindi sono sempre curioso di vedere lo stato dell’arte in questo campo. Com’è noto, agli inizi la sfida tecnica era di riprodurre oggetti o situazioni che non fossero distinguibili dal reale. Ora che questo traguardo è stato raggiunto, direi che si potrebbe passare oltre, nel senso che la vera sfida della computer grafica è, secondo me, dare corpo alle idee, all’immaginazione, al fantastico, non imitare pedissequamente la realtà. Vedi ad esempio il capolavoro Tin Toy di John Lasseter.

I film catastrofici si pongono a metà strada tra questi due obiettivi. Riproducono scenari reali ma con eventi immaginari esagerati, tipo inondazioni, terremoti, asteroidi che distruggono la terra eccetera, insomma situazioni difficilmente immaginabili. In particolare, riprodurre effetti realistici con grandi masse d’acqua è un traguardo tecnico ormai raggiunto (un tempo era un effetto difficilissimo da ricreare), vedi ad esempio La tempesta perfetta, come film una vaccata allucinante, ma con simulazioni dell’onda-monstre da rimanere a bocca aperta.

Questo “2012”, anche se la trama si annuncia non proprio orginalissima, sembra destinato a diventare il nuovo termine di paragone per quanto riguarda gli effetti speciali. La trama, piuttosto esile, è presto detta: il 2012  è l’anno in cui secondo il calendario Maja ci sarebbe la fine del mondo. Mentre la fatidica data si avvicina, il professor West viene a conoscenza di alcune tempeste solari di forte intensità che stanno investendo il pianeta. Lo scienziato prova a dare l’allarme ma viene osteggiato dalla comunità scientifica… Intanto il tempo passa e le catastrofi si fanno sempre più frequenti.

La trama come si vede non promette nulla di buono ma gli effetti, almeno a giudicare dal trailer, dovrebbero essere davvero stupefacenti.

5 Responses to “2012 effetti speciali”

  1. Francesco Says:

    Molto meglio questo trailer di 2012, decisamente piu’ divertente e irriverente…

    ;)

    Alien e’ un film meraviglioso, ma non tutti i suoi sequel sono spazzatura, Aliens Scontro Finale di James Cameron e’ stupendo, tralasciamo ovviamente gli altri!

  2. a.g. Says:

    è vero il primo Alien è un film bellissimo. Anche l’altro, non ricordo se era il 2 o il 3 era discreto, ma il primo resta insuperato, annche per la regia magistrale, di Ridley Scott,che ha tenuto nascosto il mostro per tutto il film… nei sequel l’effetto sorpresa non c’era più e il “terrore” era un po’ cosi

  3. paolo Says:

    Ma 2012 è un film o un videogame?

    Su Alien non si discute, è un capolavoro.

  4. haloo Says:

    “da Titanic a Indipendece Day (una stronzata epica), da Jurassic Park a Godzilla”, tu consideri questi film boiate?!?1 sono film che hanno fatto milioni e milioni di incassi e che sn pietre miliari degli fx del decennio passato…ma daii!!nn puoi considerare the day after tomorrow nn malaccio, e considerare boiate roba come titanic, indipendece day e jurassic park…

  5. aghost Says:

    si halloo, come film sono delle boiate. Ben fatte per carità, ma pur sempre solenni boiate.

    I “milioni di incassi” non significano nulla. C’è più storia del cinema e arte nei pochi minuti della sequenza iniziale de “Lo Straniero” (di Orson Welles) che in tutti i film menzionati messi assime :)


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: